Immagine della Madonna del Mare

Immagine della Madonna del Mare

sabato 31 dicembre 2016

31 dicembre 2016 - Celebrazione del Te Deum


Diocesi  di  Trieste

PARROCCHIA   MADONNA  DEL  MARE



LITURGIA  DEL  “TE  DEUM”   A  CONCLUSIONE  DEL  2016


Preghiera   dei   fedeli


Cel. Presentiamo al Signore le nostre preghiere, i nostri sogni e le nostre speranze, i nostri dubbi e le nostre paure e chiediamo su noi e su tutti l'abbondanza delle sue benedizioni.  Preghiamo insieme e diciamo: Ascoltaci, o Signore.


1.    Ti presentiamo, Signore, la Chiesa sparsa in tutto il mondo: il Papa Francesco, il nostro vescovo Giampaolo, il nostro parroco, tutti i sacerdoti e i diaconi, i religiosi, le religiose e i consacrati della Chiesa e tutti i battezzati che nelle comunità incarnano e vivono il Vangelo. Fa’ che risplendano nel mondo come segni di speranza, per portare a tutti il lieto annuncio della salvezza. Preghiamo.

2.    Ti presentiamo, Signore, tutti i governanti, gli uomini di potere e quelli che si impegnano nella politica. Fa’ che abbiano idee sagge e grande impegno per difendere la vita, per aiutare e soccorrere i deboli, per assicurare la giustizia, per garantire a tutti un’esistenza serena e dignitosa. Preghiamo.

3.    Ti presentiamo, Signore, tutte le famiglie, cellule che costruiscono la società, luoghi di formazione e di crescita, laboratori di umanità. Fa’ che vivano nella pace e nella concordia per favorire l’armonia e la pace, e concedi a quelle in crisi o divise di rinnovarsi. Preghiamo.

4.    Ti presentiamo, Signore, tutti quelli che non hanno una famiglia e una casa: gli orfani, i bambini abbandonati, gli anziani dimenticati, i malati rifiutati, gli esuli e i rifugiati e le vittime di terremoti. Fa’ che ognuno trovi accoglienza e amore per vivere con dignità e speranza la propria vita. Preghiamo.

5.    Ti presentiamo, Signore, tutti gli ammalati, i poveri, i disoccupati, i "senza tetto", i carcerati, i delusi dalla vita. Fa’ che rinasca in loro la speranza per guardare con fiducia alla vita e al futuro e ricolmali dei beni spirituali e materiali di cui hanno bisogno. Preghiamo.

6.    Ti presentiamo, Signore, tutti quelli che lavorano per diffondere cultura e valori: gli educatori, gli insegnanti, i catechisti, i missionari. Fa’ che trovino forme e modi nuovi per appassionare le nuove generazioni e sostienili quando i loro sforzi sembrano inutili. Preghiamo.

7.    Ti presentiamo, Signore, tutti quelli che col loro lavoro costruiscono una società più giusta e onesta. Fa’ che ognuno guadagni col proprio sudore il necessario per vivere, favorendo quelli che si trovano nel bisogno e promuovendo la solidarietà e il bene comune. Preghiamo.

8.    Ti presentiamo, Signore, tutti i nostri cari che quest’anno hai chiamato a te, nella casa del Padre; i defunti che ricordiamo in modo speciale in questo giorno (N.N.), tutti quelli che portiamo nel cuore e quelli che non abbiamo conosciuto; quelli che hanno perso la vita per difendere il Vangelo e per dare speranza all’uomo; le vittime dell’odio, della violenza, del terrorismo, delle guerre e delle ingiustizie e le vittime degli incidenti e delle catastrofi naturali che si sono verificate in questo anno in ogni angolo della terra. Fa’ che tutti contemplino la luce del tuo volto e partecipino alla festa dei santi in Paradiso. Preghiamo.


Cel. Accogli, Signore, le preghiere che il tuo popolo ti innalza in questo passaggio ad un nuovo anno. Il tempo e la storia che a noi concederai di vivere siano ricchi delle tue grazie, perché possiamo costruire ogni giorno il tuo Regno sulla nostra terra e camminare con speranza verso il Cielo. Per Cristo nostro Signore. Amen.



Preghiera  di  ringraziamento

(Dopo l’oremus e gli avvisi, si espone il Santissimo, mentre si esegue questo canto)

Il tuo popolo in cammino,
cerca in te la guida
sulla strada verso il regno,
sei sostegno con il tuo corpo:
resta sempre con noi, o Signore.


1 E' il tuo pane, Gesù, che ci da forza
e rende più sicuro il nostro passo.
Se il vigore nel cammino si svilisce
la tua mano dona lieta la speranza.

2 E' il tuo vino Gesù che ci disseta,
e sveglia in noi l'ardore di seguirti.
Se la gioia cede il passo alla stanchezza,
la tua voce fa rinascere freschezza.


Cel. Eccoci, Signore! Siamo qui davanti a Te alla fine di questo 2016 per ringraziarti di averci concesso di vivere questo tratto di strada insieme con Te. Vogliamo aprirti il nostro cuore, affidare a Te tutto quello che in questi mesi abbiamo vissuto. Un frammento della nostra vita, composto di tanti momenti, di allegria, di serenità, ma anche di tristezza e sconforto. Stasera vogliamo restituire a Te ogni singolo momento che ci hai voluto donare.

Cel. Durante quest’anno, purtroppo, sono state molte le occasioni in cui ci siamo trovati ad un bivio ed abbiamo seguito un’altra strada, diversa dalla tua. In questi istanti di silenzio ripensiamo a tutte le volte in cui abbiamo preferito contare solo sulle nostre forze e non affidarci fiduciosi a Te. E te ne chiediamo perdono!

Cel. Pietà di noi, Signore.
Tutti Contro di te abbiamo peccato.

Cel. Mostraci, Signore, la tua misericordia.
Tutti E donaci la tua salvezza.

Cel. Dio onnipotente abbia misericordia di noi, perdoni i nostri peccati e ci conduca alla vita eterna. Amen!

Cel. Preghiamo per tutte le persone che hai voluto richiamare a Te nel corso dell’anno: persone a cui abbiamo voluto bene, amici e parenti. Le affidiamo a Te, insieme a tutte le vittime della violenza, dell’odio, delle guerre, del terrorismo e delle divisioni in tutto il mondo: accogli le loro anime nella pace eterna e consola le tante persone che su tutta la terra soffrono. Per questo ti preghiamo dicendo:

Tutti L’eterno riposo dona a loro, o Signore e splenda ad essi
la luce perpetua, riposino in pace. Amen

Cel. Oggi celebriamo la maternità di Maria Santissima. A lei vogliamo consacrare ed affidare questo nuovo anno che sta per iniziare, perché possiamo vivere giorni sereni e portare frutti abbondanti di opere buone. Eleviamo la nostra preghiera alla Santa Madre di Dio recitando insieme la più antica preghiera mariana:


Tutti Sotto la tua protezione troviamo rifugio Santa Madre di Dio:
non disprezzare le suppliche di noi che siamo nella prova,
e liberaci da ogni pericolo, o Vergine gloriosa e benedetta.

Cel. Il Signore ci ha accompagnato lungo tutto quest’anno e ci ha benedetto con la grazia dei suoi sacramenti. Preghiamo insieme e diciamo:
Noi ti ringraziamo, o Signore.

1. Ti ringraziamo, o Signore, per i bambini che hanno ricevuto il sacramento del Battesimo. Fa’ che anche noi siamo sempre fedeli agli impegni del nostro Battesimo.

2. Ti ringraziamo, o Signore, per i ragazzi e bambini che hanno ricevuto la Cresima e fatto la Prima Comunione. Aiutaci ad accogliere sempre con disponibilità la voce del tuo Spirito e così testimoniarti tutti i giorni della nostra vita.

3. Ti diciamo il nostro grazie, o Signore, perché ogni domenica ci hai riuniti attorno all’altare come una unica grande famiglia. Fa’ che non manchiamo mai a questo appuntamento per attingere forza e sostegno dall’Eucaristia.

4. Ti ringraziamo perché non hai mai mancato di offrirci il tuo perdono nel sacramento della riconciliazione, e attraverso la tua Parola trasmessaci dai tuoi ministri ci hai aiutato a percorrere un autentico cammino di fede.

5. Ti ringraziamo per le coppie di sposi che hanno consacrato il loro amore celebrando il sacramento del matrimonio. Fa’ che tutte le famiglie diventino una luce di fede e di speranza cristiana per tutta la nostra Parrocchia.

6. Ti ringraziamo per tutti i sacerdoti, religiosi e religiose, e in modo particolare per quelli della nostra comunità parrocchiale: fa’ che possano crescere sempre più nella via della santità per essere veri strumenti di salvezza per tutti.

7. Ti ringraziamo, Signore, perché non ti stanchi mai di mostrare la tua benevolenza attraverso il seme della vocazione che poni nel cuore di molti. Benedici e fortifica coloro che hai chiamato alla vita claustrale e al ministero sacerdotale e chi ha ricordato con gioia la propria consacrazione.

8. Ti ringraziamo per la nostra Chiesa di Trieste. Fa’ che sia per la nostra città riferimento vero e autentico per una crescita continua nella fede e nella carità e donale numerose e sante vocazioni alla vita sacerdotale e religiosa.

9. Ti ringraziamo per la Santa Chiesa. Sostieni il nostro Papa Francesco e il nostro Vescovo Giampaolo e fa’ che la visita pastorale che inizierà tra poco, porti abbondanti frutti di grazia e comunione nella nostra Diocesi e in tutte le comunità parrocchiali.

Preghiera  finale

Padre del tempo e della storia, ti siamo riconoscenti, per tutti i benefici, che sino ad oggi ci hai elargito; per i lunghi momenti che hai riempito di grazia; per lo spazio che ricolmi della tua presenza; per il tuo Figlio Gesù, primogenito dell’umanità nuova.
Signore Gesù Cristo, Parola incarnata nel seno di Maria, avvolgici del tuo amore, come la luce del sole avvolge il mondo, sostieni la tua Chiesa in preghiera, come tralcio innestato nella tua vite, concedi al tuo popolo di non smarrirsi nel cammino.
Spirito Santo, sapienza che illumina, donaci la capacità di penetrare il mistero di Cristo, aprendo sempre il nostro cuore  all’ascolto e alla meditazione della Parola di Gesù.
Trinità Santa, che abiti nei cuori, infiamma il nostro cuore della tua carità, rendi i nostri giorni, occasione di salvezza e di santità. A te la lode e la gloria per i secoli eterni. Amen.



TE  DEUM


Noi ti lodiamo, Dio * 
ti proclamiamo  Signore.
O eterno Padre, * 
tutta la terra ti adora.

A te cantano gli angeli * 
e tutte le potenze dei cieli:
Santo, Santo, Santo * 
il Signore Dio dell'universo.

I cieli e la terra * 
sono pieni della tua gloria.
Ti acclama il coro degli apostoli * 
e la candida schiera dei martiri;

le voci dei profeti si uniscono nella tua lode;
la santa Chiesa proclama la tua gloria,
adora il tuo unico figlio, *
e lo Spirito Santo Paraclito.

O Cristo, re della gloria, * 
eterno Figlio del Padre,
tu nascesti dalla Vergine Madre * 
per la salvezza dell'uomo.

Vincitore della morte, *
hai aperto ai credenti il regno dei cieli.
Tu siedi alla destra di Dio, nella gloria del Padre *
Verrai a giudicare il mondo alla fine dei tempi.

Soccorri i tuoi figli, Signore, *
che hai redento col tuo sangue prezioso.
Accoglici nella tua gloria *
nell'assemblea dei santi.

Salva il tuo popolo, Signore, *
guida e proteggi i tuoi figli.
Ogni giorno ti benediciamo, *
lodiamo il tuo nome per sempre.

Degnati oggi, Signore, * 
di custodirci senza peccato.
Sia sempre con noi la tua misericordia: * 
in te abbiamo sperato.

Pietà di noi, Signore, * 
pietà di noi.
Tu sei la nostra speranza, * 
non saremo confusi in eterno.


Preghiera  corale

Resta con noi, amico fedele e sicuro sostegno dell’umanità in cammino sulle strade del tempo. Tu, Parola vivente del Padre, infondi fiducia e speranza in quanti cercano il senso vero della loro esistenza. Tu, Pane di vita eterna, nutri l’uomo affamato di verità, di libertà, di giustizia e di pace. Rimani con noi, Parola vivente del Padre, ed insegnaci parole e gesti di pace: pace per la terra consacrata dal tuo sangue e intrisa del sangue di tante vittime innocenti;  pace per tutta l’umanità, su cui sempre incombe il pericolo di guerre fratricide.
Rimani con noi, Pane di vita eterna, spezzato e distribuito ai commensali: da’ anche a noi la forza di una solidarietà generosa verso le moltitudini che, ancor oggi, soffrono e muoiono di miseria e di fame, decimate da epidemie letali, prostrate da immani catastrofi naturali o colpite dal non senso delle guerre. Anche noi, uomini e donne del terzo millennio, abbiamo bisogno di Te, Signore! Rimani con noi ora e fino alla fine dei tempi. Fa’ che il progresso materiale dei popoli non offuschi mai i valori spirituali che sono l’anima della loro civiltà. Sostienici, Ti preghiamo, nel nostro cammino. In Te noi crediamo, in Te speriamo, perché Tu solo hai parole di vita eterna. Amen.

Canto:  Tantum Ergo


Cel. Hai dato loro il Pane disceso dal cielo.
Tutti Che porta in sé ogni dolcezza.

Cel. O Padre, che esaudisci sempre la voce dei tuoi figli, ricevi il nostro umile ringraziamento, e fa’ che in una vita serena e libera dalle insidie del male, lavoriamo con rinnovata fiducia all’edificazione del tuo regno. Per Cristo nostro Signore. Amen.



Benedizione Eucaristica

Acclamazioni

Dio sia benedetto
Benedetto il suo santo nome
Benedetto Gesù Cristo, vero Dio e vero uomo
Benedetto il nome di Gesù
Benedetto il suo sacratissimo Cuore
Benedetto il suo preziosissimo Sangue
Benedetto Gesù nel SS. Sacramento dell'altare
Benedetto lo Spirito Santo Paraclito
Benedetta la gran Madre di Dio, Maria santissima
Benedetta la sua santa e immacolata concezione
Benedetta la sua gloriosa assunzione
Benedetto il nome di Maria, vergine e madre
Benedetto san Giuseppe, suo castissimo sposo
Benedetto Dio nei suoi angeli e nei suoi santi

  
Canto: Alma Redemptoris Mater










sabato 24 dicembre 2016

Famiglia Parrocchiale del 25 dicembre 2016 - Natale del Signore


FAMIGLIA  PARROCCHIALE
Bollettino   della   Parrocchia   Madonna   del   Mare   -   Trieste
tel.  040.301411 (Convento, Ufficio Parrocchiale e Fax)  -  040.303189 (Ortatorio)
e-mail:  parrocchia@madonnadelmare.it    web:  madonnadelmare.blogspot.com

domenica   25   dicembre   2016
NATALE   DEL   SIGNORE
Letture Messa della Notte: Is 9,1-6; Sal 95; Tt 2,11-14; Lc 2,1-14
Letture Messa del Giorno: Is 52,7-10; Sal 97; Eb 1,1-6; Gv 1,1-18 



La comunità francescana augura a tutti i più cari e affettuosi auguri
per il Santo Natale e per un sereno anno nuovo.
Che questo augurio, attraverso tutti voi, possa raggiungere soprattutto
gli anziani, gli ammalati e gli infermi nelle proprie abitazioni,
nelle case di cura o negli ospedali,
i sofferenti nel corpo e nello spirito, i lontani e le persone sole:
che la nascita del Cristo porti a tutti fiducia e consolazione.  Auguri.

fra Adriano, fra Andrea, fra Dino, fra Ilario, fra Vittorio


Dal vangelo secondo Luca
In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando Quirinio era governatore della Siria. Tutti andavano a farsi censire, ciascuno nella propria città. Anche Giuseppe, dalla Galilea, dalla città di Nàzaret, salì in Giudea alla città di Davide chiamata Betlemme: egli apparteneva infatti alla casa e alla famiglia di Davide. Doveva farsi censire insieme a Maria, sua sposa, che era incinta. Mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c’era posto nell’alloggio. C’erano in quella regione alcuni pastori che, pernottando all’aperto, vegliavano tutta la notte facendo la guardia al loro gregge. Un angelo del Signore si presentò a loro e la gloria del Signore li avvolse di luce. Essi furono presi da grande timore, ma l’angelo disse loro: «Non temete: ecco, vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi, nella città di Davide, è nato per voi un Salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, adagiato in una mangiatoia». E subito apparve con l’angelo una moltitudine dell’esercito celeste, che lodava Dio e diceva: «Gloria a Dio nel più alto dei cieli e sulla terra pace agli uomini, che egli ama».

 

Lettura
L’evangelista Luca introduce il racconto della nascita del Salvatore con una serie di riferimenti storici: compare il nome dell’Imperatore Augusto, del governatore Quirinio, il decreto del censimento che mette in moto tante persone verso la propria città d’origine. Questi nomi costituiscono la cornice dell’evento che celebriamo, e ne attestano la veridicità. Il Verbo che si fa carne entra nei meandri della storia per salvarla dall’interno.


Meditazione
Il censimento di Cesare Augusto mette per strada anche Maria e Giuseppe, che si recano a Betlemme per essere registrati. Natale è sempre per strada, è sempre in viaggio: Dio in viaggio verso la storia mette in cammino e in comunicazione tutti gli uomini. Da Roma giunge il decreto e raggiunge tutte le province, anche la Palestina; qui sta per nascere un Re che unificherà il mondo intero. Di qui partiranno Pietro e Paolo per compiere un cammino inverso, che renderà Roma centro della cristianità. Con poche pennellate essenziali Luca parla dei giorni che si compiono per Maria incinta, per il mondo intero che giunge a un punto di non ritorno. Una mangiatoia fa da culla al Figlio di Dio perché “per loro non c’era posto nell’alloggio”, una mangiatoia nella “Casa del Pane” fa sentire il profumo di pane croccante in questo paese fornaio, e desta appetito in un uomo che sta per morire di anoressia. “Oggi è nato per voi un Salvatore”: oggi, non duemila anni fa, perché il Vangelo è contemporaneo di tutti, e la liturgia è l’eterno oggi nella storia degli uomini. La grazia di quella Notte Santa è in questa notte, e tu puoi accedere alla Grazia del Salvatore, alla Grazia che è il Salvatore, “un Bambino avvolto in fasce e adagiato in una mangiatoia”. Un Grande mistero in uno spazio angusto, Dio immenso e immortale nella nostra carne mortale, l’eternità entrata nel tempo. Non devi più guardare in alto per incontrare Dio, perché Egli si è chinato sul mondo e si è reso visibile, accessibile, manducabile. Non chiedere ragioni alla ragione, ma interroga il cuore che stanotte è il tuo cuore bambino, con occhi grandi davanti al presepe, pronto a credere a una Storia mai raccontata. Sorrisi, adorazione, gioia, lacrime, certezza d’essere salvi nonostante tutto, davanti a Dio che si fa uomo perché l’uomo diventi dio.


Preghiera
Fammi tornare bambino stanotte con te Bambino, Signore, per capire ciò che nessun altro potrà spiegarmi, insegnami la follia dell’amore che non bada a prezzi e non fa calcoli pur di salvare l’amato. Quanto ti è costato amarmi tanto, Signore, fino a questo punto: insegnami che il legno della mangiatoia è già quello della Croce, e che a me non resta altro che la resa. Non è mai stato così bello perdere e perdersi nella vastità di un amore che mi precede, mi accompagna, mi attende.

INTENZIONI   SS.  MESSE
E   AVVISI   PARROCCHIALI



domenica  25
dicembre
Natale  del  Signore


ore    8.30   -
ore  10.00   - Per l’Assemblea
ore  11.30   - Secondo l’intenzione dell’offerente
ore  18.00   - def.to Corrado
lunedì  26
dicembre
Santo  Stefano,  protomartire


ore    8.30   - def.to Quinto
ore  10.00   - Per l’Assemblea
ore  11.30   - def.to Antonio Onofrio
                  - Secondo l’intenzione dell’offerente
ore  18.00   -
martedì  27
dicembre
San  Giovanni,  apostolo  ed  evangelista


ore    8.30   - def.ti  Maria e Giovanni
ore  18.00   - def.ti  Egea e Luciano
                  - def.ta Maria Argenteri
mercoledì  28
dicembre
Santi  Innocenti,  martiri


ore    8.30   - def.ti  Maria e Angelo
ore  18.00   - def.ta Renata
                  - def.ta Rita
giovedì  29
dicembre
ore    8.30   - def.to Ferruccio
ore  18.00   - def.ti  Fam. Cendak e Trento
                  - def.ti  Giuseppina e Benito
                  - def.to Antonio Calci

Al termine della S. Messa serale, esposizione e adorazione del S.mo Sacramento e preghiera per le vocazioni.

venerdì  30
dicembre
Festa  della  Santa  Famiglia


ore    8.30   - def.to Marino
                  - def.ti  Roberto e Franco
ore  18.00   - def.ta Santina Carpentiere
sabato  31
dicembre
ore    8.30   - def.to Fulvio
ore  18.00   - def.ti  Renato, Mario e Firmina

Durante la S. Messa delle ore 18.00, canto del Te Deum

domenica  1
gennaio
Maria,  Madre  di  Dio  e  Giornata  per  la  Pace


ore    8.30   - def.ta Maddalena Cirone
ore  10.00   - Per l’Assemblea
ore  11.30   - def.to Oliviero Pozzecco
                  - def.ta Ilda Farnetti
ore  18.00   -
lunedì  2
gennaio
Santi  Basilio  Magno  e  Gregorio  Nazianzeno
ore    8.30   - def.to Italo Sartini
ore  18.00   - def.to Dario Sergo
                  - def.ta Flora
                  - def.to Renato Suzzi
martedì  3
gennaio
ore    8.30   -
ore  18.00   - def.ti  Edvin, Bianca e Renzo Bundi
                  - def.to Antonio
mercoledì  4
gennaio
ore    8.30   -
ore  18.00   - def.ta Anna Maria Trinca
giovedì  5
gennaio
ore    8.30   -
ore  18.00   - def.to Oddone
venerdì  6
gennaio
Epifania  del  Signore


ore    8.30   -
ore  10.00   - Per l’Assemblea
ore  11.30   -
ore  18.00   -

Ore 15.45, presso la Sala Cinema dell’Oratorio, concerto della Filarmonica S. Barbara, organizzato da Adositalia

sabato  7
gennaio
ore    8.30   -
ore  18.00   -
domenica  8
gennaio
Battesimo  del  Signore


ore    8.30   -
ore  10.00   - Per l’Assemblea
ore  11.30   -
ore  18.00   -

Durante la S. Messa delle ore 10.00, memoria di tutti i battesimi celebrati nel corso del 2016





Durante la celebrazione delle Ss. Messe, la visita al presepio è sospesa

fra Andrea, parroco