Immagine della Madonna del Mare

Immagine della Madonna del Mare

sabato 30 aprile 2016

Famiglia Parrocchiale del 1 maggio 2016


FAMIGLIA  PARROCCHIALE
Bollettino   della   Parrocchia   Madonna   del   Mare   -   Trieste
tel.:  040 . 30 14 11  (Convento)   -   040 . 340 33 75  (Ufficio Parrocchiale)
e-mail:  parrocchia@madonnadelmare.it    web:  www.madonnadelmare.it

domenica   1   maggio   2016
VIa   Domenica   del   tempo   di   pasqua
Letture: At 15,1-2.22-29; Sal 66; Ap 21,10-14.22-23; Gv 14,23-29

Dal vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui. Chi non mi ama, non osserva le mie parole; e la parola che voi ascoltate non è mia, ma del Padre che mi ha mandato. Vi ho detto queste cose mentre sono ancora presso di voi. Ma il Paràclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, lui vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto.  Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi. Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore. Avete udito che vi ho detto: “Vado e tornerò da voi”. Se mi amaste, vi rallegrereste che io vado al Padre, perché il Padre è più grande di me. Ve l’ho detto ora, prima che avvenga, perché, quando avverrà, voi crediate».


La  preghiera  del  santo  rosario

Misteri  della  gioia  (Lunedì e Sabato)
1. L’annuncio dell’angelo a Maria. Noi ti ringraziamo, Maria, di aver accolto la presenza del Figlio e ti chiediamo di poter accoglierlo con i tuoi sentimenti ogni volta che ci accostiamo alla mensa eucaristica.
2. La visita di Maria a Elisabetta. Aiutaci, Signore, a portarti al mondo come mistero d’amore che irradia la nostra vita!
3. La nascita di Gesù a Betlemme. Maria, che sei la Madre del Signore, aiutaci a contemplarlo nel presepe piccolo Bambino e a guardarlo con la stessa fede in quell’Ostia Santa che rimane presenza viva nel tabernacolo!
4. La presentazione di Gesù al Tempio. Maria, donaci il tuo cuore. Fa’ che possiamo offrirci con Gesù al Padre, uniti al suo sacrificio, in oblazione pura e santa.
5. Il ritrovamento di Gesù al Tempio. La tua presenza, o Signore, ci accompagni durante tutta la giornata: fa’ che non ci dimentichiamo di te, ma che nutriti dalla tua Parola e dal tuo Pane, possiamo godere della tua pace.



Misteri  della  luce  (Giovedì)
1. Gesù battezzato al fiume Giordano. Donaci, o Signore, che viviamo la condizione di figli donata a noi nel Battesimo con la stessa dedizione che ti ha portato a dare la tua vita per tutti.
2. Il miracolo di Gesù alle nozze di Cana. Alla fine della tua vita, o Signore, trasformerai la bevanda nel tuo sangue versato per la nostra salvezza. Donaci la gioia di dissetarci a quel vino che sa di vita eterna!
3. Gesù annuncia il Regno di Dio. Preghiamo perché illuminati dalla Parola e fortificati dal Pane di vita, ci lasciamo convertire costantemente alle esigenze di quel Regno che Gesù è venuto ad annunciare e rendere presente.
4. La Trasfigurazione di Gesù. Donaci, o Padre, di ascoltare la Parola del tuo Figlio: Parola di verità e di grazia, Parola che porta alla Via, alla Verità e alla Vita.
5. Gesù istituisce l’Eucarestia nell’ultima cena. O Signore, che nel tuo infinito amore per gli uomini hai dato tutto te stesso, donaci di cibarci di te e di imparare da te ad essere pane spezzato e sangue versato per la vita dei nostri fratelli.

Misteri  del  dolore  (Martedì e Venerdì)
1. L’agonia di Gesù nell’orto degli ulivi. O Gesù, che hai sofferto per noi un’agonia di morte, sostienici nelle prove della vita e donaci la gioia della tua presenza.
2. Gesù è flagellato. Il ricordo della tua flagellazione ci conceda, o Gesù, di partecipare al tuo sacrificio con la decisione di offrire tutto per la salvezza del mondo.
3. Gesù è incoronato di spine. L’offerta della tua vita, o Gesù, per il nostro riscatto, ci insegni a contemplarti vivo nel Pane consacrato e a crescere nella fede della tua presenza sotto le umili apparenze di un’Ostia.
4. Gesù sale al Calvario portando la croce. Il tuo Pane, o Signore, ci sostenga nel coraggio di camminare con te sulle strade della vita, portando uniti a te la nostra croce.
5. Gesù muore in croce. Nel Pane di vita hai racchiuso, o Signore, tutto l’amore che era nel tuo cuore. È il dono supremo della tua vita per noi.




Misteri  della  gloria  (Mercoledì e Domenica)
1. Gesù risorge da morte. Il tuo Pane di vita, o Signore, sia sempre la caparra della nostra risurrezione, il pegno della nostra salvezza!
2. Gesù ascende al cielo. Signore Gesù, tu sali al cielo ma ci lasci il tuo pane! È il tuo Corpo glorioso perché viviamo nella prospettiva della patria futura.
3. La discesa dello Spirito Santo su Maria e gli apostoli. O Signore, fa’ che nella comunione con te possiamo attingere la forza, l’ardore, l’Amore del tuo Spirito, affinché infiammi e trasfiguri la nostra esistenza!
4. Maria assunta in cielo. O Maria, che vivi la comunione perfetta del cielo, dona a noi, pellegrini in terra, di cibarci di Dio per giungere a condividere con te la gloria dei beati.
5. Maria incoronata Regina degli Angeli e dei Santi. O Maria, facci comprendere come Cristo sia vita della stessa nostra vita e sia ciò che colma di gioia l’esistenza e la riempie per l’eternità.


AVVISI   PARROCCHIALI


domenica  1
VIa  Domenica  del Tempo  di  Pasqua
·        Subito dopo la S. Messa delle ore 10.00, momento di catechesi per i bambini del Primo anno del catechismo, e loro genitori, in preparazione alla Celebrazione del Sacramento della Prima Confessione
lunedì  2
·        Ore 15.30, Pomeriggio Insieme per gli anziani in Oratorio
martedì  3
·        Ore 16.30, catechismo parrocchiale in Oratorio
mercoledì  4
·    Al termine della S. Messa serale, esposizione e adorazione del Ss. Sacramento e preghiera per le vocazioni
giovedì  5
·    Ore 20.45, in Chiesa, recita del S. Rosario animato dai gruppi e associazioni parrocchiali
sabato  7
·    Ore 16.00, celebrazione del Sacramento della Prima Confessione per i bambini del primo anno di Catechismo
domenica  8
Ascensione  del  Signore
·          Subito dopo la S. Messa delle ore 10.00, ritiro spirituale per i bambini del Secondo Anno del catechismo, e loro genitori, in preparazione alla Prima Comunione
·          Al termine della S. Messa delle ore 11.30, supplica alla Madonna di Pompei

Sabato  4  Giugno,
Ordinazione  Sacerdotale  di  Fra  Tullio

Nel pomeriggio di sabato 4 giugno, presso la cattedrale di Vicenza, Fra Tullio sarà ordinato Sacerdote. Lo accompagniamo nella preghiera. Chi desidera partecipare, può prenotare il posto in pullman riservato per l’occasione. I dettagli dell’orario saranno comunicati più avanti ai partecipanti.

mese  di  maggio,  mese  del  rosario

Come da tradizione, durante il mese di maggio, dedicato alla Madonna, si può ospitare nelle propria casa e famiglia l’immagine della Madonna del Mare per la recita del S. Rosario, invitando anche i vicini a questo momento di preghiera e condivisione nella fede. La coordinatrice di questa iniziativa è la sig.ra Liliana Querzola. Ci si rivolga a lei per stabilire giorno e ora per la recita del Rosario e per accogliere l’immagine della Madonna del Mare.

fra Andrea, parroco

INTENZIONI   SS. MESSE


domenica  1
maggio
VIa  Domenica  del  tempo  di  Pasqua
ore    8.30   -
ore  10.00   - Per l’Assemblea
ore  11.30   -
ore  19.00   - def.to Giuliano
                  - def.ti  Angela e Gianni
lunedì  2
maggio
ore    8.30   - def.ti  Manlio, Giuseppe e Lina
ore  19.00   - def.ta Ambretta
                  - def.te  Liliana e Giovanna
martedì  3
maggio
ore    8.30   - def.to Bruno
ore  19.00   - def.to Giovanni Candotti
                  - def.ti  della S. Vincenzo e benefattori
                  - Secondo l’intenzione dell’offerente
mercoledì  4
maggio
ore    8.30   -
ore  19.00   - def.ti  Famiglia Bressanutti
giovedì  5
maggio
ore    8.30   -
ore  19.00   - def.to Giulio Chicco
                  - def.to Oddone
venerdì  6
maggio
ore    8.30   - def.ti  Walter e Giorgio
ore  19.00   - def.to Leandro Grue (obitus)
sabato  7
maggio
ore    8.30   - def.ti  Mario e Maria Salotto
ore  19.00   - def.to Luciano Bosso
domenica  8
maggio
Ascensione  del  Signore
ore    8.30   - def.ti  Veronica, Rosario e Lucia
ore  10.00   - Per l’Assemblea
ore  11.30   - def.ti  Ada e Virgilio Zeriali
                  - def.ti  Rosa e Clemente
                  - def.to Enzo Bressina
ore  19.00   - def.ta Irma

domenica 24 aprile 2016

Pellegrinaggio Parrocchiale a San Giusto - sabato 30 aprile


diocesi  di  trieste
Parrocchia  Madonna  del  Mare


Pellegrinaggio
Parrocchiale
alla  Porta  Santa
a  San  Giusto

programma
 
mercoledì  27  aprile,  ore 19.40:
In  Chiesa  a  Madonna del Mare,
celebrazione  del  Sacramento
della  Riconciliazione.


sabato 30  aprile,  ore  11.00:

Ritrovo  davanti  alla  Cattedrale;
Passaggio  della  Porta  Santa;
Memoria  del  Battesimo;
Celebrazione  della  S. Messa.


sabato 23 aprile 2016

Famiglia Parrocchiale del 24 aprile 2016


FAMIGLIA  PARROCCHIALE
Bollettino   della   Parrocchia   Madonna   del   Mare   -   Trieste
tel.:  040 . 30 14 11  (Convento)   -   040 . 340 33 75  (Ufficio Parrocchiale)
e-mail:  parrocchia@madonnadelmare.it    web:  www.madonnadelmare.it


domenica   24   aprile   2016
Va   Domenica   del   tempo   di   pasqua
Letture: At 14, 21-27; Sal 144; Ap 21, 1-5; Gv 13, 31-33. 34-35


Ultima cena, Giotto, Cappela degli Scrovegni, Padova


 Dal vangelo secondo Giovanni

Quando Giuda fu uscito dal cenacolo, Gesù disse: «Ora il Figlio dell’uomo è stato glorificato, e Dio è stato glorificato in lui. Se Dio è stato glorificato in lui, anche Dio lo glorificherà da parte sua e lo glorificherà subito.
Figlioli, ancora per poco sono con voi. Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri. Come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri.
Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli: se avete amore gli uni per gli altri». 
 

Lavanda dei piedi, Giotto, Cappela degli Scrovegni, Padova

 La circolarità dell’amore che, attraverso un continuo scambio, stringe in unità il Padre, il Figlio, lo Spirito e la Comunità: ecco la realtà «nuova» che ci fa contemplare oggi la liturgia della Parola.
Cieli nuovi e terra nuova sono oggi l’aspirazione che batte al cuore di tutti coloro che sono impegnati in un superamento dell’attuale ordinamento sociale, così carico di ingiustizie e sfruttamenti. «Ecco, io faccio nuove tutte le cose» è la grande speranza cristiana: un mondo nuovo. Ma non è l’uomo nel suo sforzo solitario a costruire questo mondo nuovo. E’ l’uomo insieme con Dio, in collaborazione con Dio. Tutti gli umanesimi che pensano di poter fare a meno di Dio sono destinati a un amaro fallimento. Lo sforzo prometeico dell’uomo di ergersi solo contro Dio, considerato come un rivale della grandezza umana, un antagonista che toglie all’uomo l’ampiezza dei suoi orizzonti e della sua autonomia, si chiude in una tragica confessione di impotenza. In questa costruzione di un mondo nuovo, di una umanità nuova, alcune teorie politiche e sociali fanno leva unicamente sulla lotta che troppo spesso si impasta di odio e di aggressività violenta. Non la lotta e la violenza, ma l’amore è il centro propulsore della storia. Per questo prima di patire e morire, il Signore Gesù ha lasciato ai suoi il «comandamento nuovo» che si ricapitola tutto nell’amore vicendevole, manifestazione dell’amore divino che circola tra il Padre e il Figlio. Al comandamento dell’amore è correlativa, per i cristiani, una situazione e una realtà nuova, una «città» nuova: la Chiesa, nuova terra, nuova Gerusalemme, dimora di Dio con gli uomini (cf seconda lettura).
Non è da credere che la visione di Giovanni si riferisca ad una realtà proiettata nel futuro idealizzato. La «città che scende dal cielo», la «terra nuova» dalla quale è scomparso il mare (simbolo delle forze dei male), indicano che la nuova creazione, inaugurata dalla vittoria pasquale di Cristo, è già in opera nei battezzati. La «sposa adorna per lo sposo» è la nuova umanità liberata dai peccato, santificata da Cristo e splendente della sua gloria e della sua bellezza. La Gerusalemme dei cielo, dunque, è coestensiva a quella della terra ed è in costruzione fino alla fine dei tempi.
Una tale costruzione avviene lentamente e, misteriosamente, la «novità» scaturita dalla Pasqua del Signore glorioso non esclude una situazione di prova, fra «lutti, lacrime e affanni», finché la Chiesa è ancora pellegrina sulla terra. È impegno dei cristiani lavorare e adoperarsi per rendere la nuova Gerusalemme quale è chiamata ad essere; nella prima lettura sono offerti un modello e dei criteri ai quali la loro opera deve ispirarsi: perseverare nella fede attraverso le prove e le tribolazioni per entrare nel Regno; vivere come comunità animata dall’amore fraterno e affidata alla guida e alla cura degli «anziani»; accogliere senza diffidenza coloro ai quali Dio ha aperto le porte della fede.
Così, dopo la risurrezione di Cristo, tutto è già trasformato; ma la comunione fra Dio e l’umanità redenta, fra Cristo e la sua Chiesa, deve continuamente crescere fino alla intimità più completa e profonda, quando la Gerusalemme nuova sarà in pienezza la dimora di Dio fra gli uomini e si identificherà con il corpo di Cristo giunto alla sua età perfetta e splendente di gloria.
«Nella Liturgia terrena noi partecipiamo, pregustandola, a quella celeste che viene celebrata nella santa città di Gerusalemme, verso la quale tendiamo come pellegrini, dove il Cristo siede alla destra di Dio quale ministro del santuario e del vero tabernacolo; insieme con le schiere delle milizie celesti cantiamo al Signore l’inno di gloria; ricordando con venerazione i santi, speriamo di ottenere un qualche posto con essi, e aspettiamo, quale salvatore, il Signore nostro Gesù Cristo, fino a quando egli comparirà, nostra vita, e noi appariremo con lui nella gloria» (SC 8).
Così la Costituzione sulla sacra Liturgia presenta la comunione tra la Chiesa terrena e la Gerusalemme celeste; e tale comunione si attua in sommo grado in ogni celebrazione eucaristica: con un unico canto di lode glorifichiamo Dio, rendiamo testimonianza al Cristo risorto e la nostra assemblea, radunata nel suo nome, anticipa nella storia ciò che vivrà in pienezza nella città futura. 


AVVISI   PARROCCHIALI


domenica  24
Va  Domenica  del Tempo  di  Pasqua
lunedì  25
Festa  di  San  Marco,  evangelista
·        S. Messe secondo l’orario feriale: 8.30 e 19.00
martedì  26
·        Ore 16.30, catechismo parrocchiale in Oratorio
mercoledì  27
·    Al termine della S. Messa serale, celebrazione del Sacramento della Riconciliazione in preparazione del pellegrinaggio parrocchiale in Cattedrale, per ottenere l’indulgenza plenaria
giovedì  28
·    Ore 16.00, incontro dell’Azione Cattolica parrocchiale (prendete visione, attraverso le locandine in bacheca, anche di altre attività proposte dall’Azione Cattolica Diocesana)
·    Al termine della S. Messa serale, esposizione e adorazione del Ss. Sacramento e preghiera per le vocazioni
sabato  30
·    Ore 11.00, ritrovo presso la Cattedrale di S. Giusto, per il pellegrinaggio parrocchiale in occasione del Giubileo della Misericordia: passaggio della Porta Santa, preghiera per l’ottenimento dell’indulgenza plenaria e celebrazione della S. Messa
domenica  1
VIa  Domenica  del Tempo  di  Pasqua
·            Subito dopo la S. Messa delle ore 10.00, momento di catechesi per i bambini del Primo anno del catechismo, e loro genitori, in preparazione alla Celebrazione del Sacramento della Prima Confessione


Sabato  4  Giugno,
Ordinazione  Sacerdotale  di  Fra  Tullio

Nel pomeriggio di sabato 4 giugno, presso la cattedrale di Vicenza, Fra Tullio sarà ordinato Sacerdote. Lo accompagniamo nella preghiera. Chi desidera partecipare, può prenotare il posto in pullman riservato per l’occasione. I dettagli dell’orario saranno comunicati più avanti ai partecipanti.


fra Andrea, parroco


INTENZIONI   SS. MESSE


domenica  24
aprile
Va  Domenica  del  tempo  di  Pasqua
ore    8.30   - def.ti  Famiglia Viviani
ore  10.00   - Per l’Assemblea
ore  11.30   - def.ti  Argia ed Enzo
                  - def.ti  Giuseppina e Polidoro
ore  19.00   - def.to Andrea
lunedì  25
aprile
ore    8.30   - def.to Giovanni Gentile
ore  19.00   - def.to Oddone
                  - def.to Corrado
                  - def.to Gianfranco
martedì  26
aprile
ore    8.30   -
ore  19.00   - Secondo l’intenzione dell’offerente
mercoledì  27
aprile
ore    8.30   -
ore  19.00   -
giovedì  28
aprile
ore    8.30   - def.to Gianfranco
ore  19.00   -
venerdì  29
aprile
ore    8.30   - def.to Ferruccio
ore  19.00   - def.te Antonietta e Liana
                  - def.ti  Giuseppina e Benito
sabato  30
aprile
ore    8.30   -
ore  19.00   - def.ta Teresa Pagnin
domenica  1
maggio
VIa  Domenica  del  tempo  di  Pasqua
ore    8.30   -
ore  10.00   - Per l’Assemblea
ore  11.30   -
ore  19.00   - def.to Giuliano