Immagine della Madonna del Mare

Immagine della Madonna del Mare

sabato 27 giugno 2015

Famiglia Parrocchiale del 28 giugno 2015


FAMIGLIA  PARROCCHIALE
Bollettino   della   Parrocchia   Madonna   del   Mare   -   Trieste
tel.:  040 . 30 14 11  (Convento)   -   040 . 340 33 75  (Ufficio Parrocchiale)
e-mail:  parrocchia@madonnadelmare.it 
sito  web:  www.madonnadelmare.it

domenica   28   giugno   2015
Domenica  XIIIa  del  tempo  ordinario
Letture: Sap 1,13-15; 2,23-24; Sal 29; 2 Cor 8,7.9.13-15; Mc 5,21-43
Prima  settimana  del  Salterio

Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, essendo Gesù passato di nuovo in barca all’altra riva, gli si radunò attorno molta folla ed egli stava lungo il mare. E venne uno dei capi della sinagoga, di nome Giàiro, il quale, come lo vide, gli si gettò ai piedi e lo supplicò con insistenza: «La mia figlioletta sta morendo: vieni a imporle le mani, perché sia salvata e viva». Andò con lui. Molta folla lo seguiva e gli si stringeva intorno.
Ora una donna, che aveva perdite di sangue da dodici anni e aveva molto sofferto per opera di molti medici, spendendo tutti i suoi averi senza alcun vantaggio, anzi piuttosto peggiorando, udito parlare di Gesù, venne tra la folla e da dietro toccò il suo mantello. Diceva infatti: «Se riuscirò anche solo a toccare le sue vesti, sarò salvata». E subito le si fermò il flusso di sangue e sentì nel suo corpo che era guarita dal male.
E subito Gesù, essendosi reso conto della forza che era uscita da lui, si voltò alla folla dicendo: «Chi ha toccato le mie vesti?». I suoi discepoli gli dissero: «Tu vedi la folla che si stringe intorno a te e dici: “Chi mi ha toccato?”». Egli guardava attorno, per vedere colei che aveva fatto questo. E la donna, impaurita e tremante, sapendo ciò che le era accaduto, venne, gli si gettò davanti e gli disse tutta la verità. Ed egli le disse: «Figlia, la tua fede ti ha salvata. Va’ in pace e sii guarita dal tuo male».
Stava ancora parlando, quando [dalla casa del capo della sinagoga vennero a dire: «Tua figlia è morta. Perché disturbi ancora il Maestro?». Ma Gesù, udito quanto dicevano, disse al capo della sinagoga: «Non temere, soltanto abbi fede!». E non permise a nessuno di seguirlo, fuorché a Pietro, Giacomo e Giovanni, fratello di Giacomo.
Giunsero alla casa del capo della sinagoga ed egli vide trambusto e gente che piangeva e urlava forte. Entrato, disse loro: «Perché vi agitate e piangete? La bambina non è morta, ma dorme». E lo deridevano. Ma egli, cacciati tutti fuori, prese con sé il padre e la madre della bambina e quelli che erano con lui ed entrò dove era la bambina. Prese la mano della bambina e le disse: «Talità kum», che significa: «Fanciulla, io ti dico: àlzati!». E subito la fanciulla si alzò e camminava; aveva infatti dodici anni. Essi furono presi da grande stupore. E raccomandò loro con insistenza che nessuno venisse a saperlo e disse di darle da mangiare.




Restauro   dei   banchi   della   chiesa
di   madonna   del   mare


Carissimi,
i banchi della nostra Chiesa, realizzati poco dopo la costruzione della stessa Chiesa, hanno svolto molto bene la loro funzione. Grazie ad una saltuaria manutenzione, si sono conservati discretamente. Ora, però, necessitano di un’opera di restauro più radicale e di improrogabili riparazioni fatte da mani esperte; sono arredi che tutti usiamo e che abbiamo il dovere di mantenere in ordine e in buono stato ancora per tanti anni, sia per la loro funzione che per il decoro della nostra Chiesa.

Per questo motivo vengo a bussare alla porta della vostra generosità per chiedere un aiuto economico mediante un contributo. La cifra media per il restauro di ogni banco è di circa 400,00 Euro. Chi desidera contribuire doni ciò che vuole e ciò che può: ogni offerta è gradita e avrà ogni gratitudine.

Coloro che offriranno l’intera cifra per il restauro, se lo desiderano, possono far richiesta di applicare una targhetta nel banco con il proprio nome o con il nome di un caro defunto, a cui dedicare la memoria del restauro del banco.

Chi desidera contribuire con un’offerta, contatti il parroco o usi il bollettino postale che si trova in Chiesa, indicando nella causale: Restauro banchi Chiesa. Gli ultimi cinque banchi in fondo alla Chiesa sono già stati restaurati, quale dimostrazione del risultato finale.

Grazie di cuore a tutti coloro che ci aiuteranno.
Il Signore benedica la vostra bontà e generosità.





Fac-simile di targhette
da porre sui banchi:

Offerto  da
Tizio  Caio

In  memoria  di
Tizio Sempronio

Offerto  da  Tizio  Caio
in  memoria  di  Tizio  Sempronio



INTENZIONI   SS. MESSE


domenica  28
giugno
ore    8.30   - def.ti  Guglielmo, Ugo e Anna
                  - def.ta Nidia
                  - def.ta Jolanda Uva
ore  10.00   - Per l’Assemblea
ore  11.30   - Secondo l’intenzione dell’offerente
ore  19.00   -
lunedì  29
giugno
Solennità  dei  Santi  Pietro  e  Paolo
ore    8.30   - def.to Ferruccio Faraguna
ore  19.00   - def.to Angelo Truzzi
                  - def.to Antonio Franca
                  - Per le Anime del Purgatorio
martedì  30
giugno
ore    8.30   - def.ti  Ombretta e Furio
                  - def.ti  Tommaso e Giovanna
ore  19.00   - def.ta Amalia Bulco
mercoledì  1
luglio
ore    8.30   -
ore  19.00   - def.ti  Andrea e Ottavio Querzola
                  - def.ta Vittoria
giovedì  2
luglio
ore    8.30   - def.ti  Maria e Mario
ore  19.00   - def.ta Carmina
venerdì  3
luglio
Primo  Venerdì  del  Mese
ore    8.30   - Secondo l’intenzione dell’offerente
ore  19.00   - Secondo l’intenzione dell’offerente
sabato  4
luglio
ore    8.30   - Secondo l’intenzione dell’offerente
ore  19.00   - def.to Elio Climich
                  - def.to Michele Nardone
domenica  5
luglio
ore    8.30   - def.to Oddone
ore  10.00   - Per l’Assemblea
ore  11.30   - Secondo l’intenzione dell’offerente
ore  19.00   - def.to Giovanni

domenica 21 giugno 2015

Omelie nel 65° di Ordinazione Sacerdotale di P. Vittorio Bellomo del 7 giugno 2015 e di Ordinazione Diaconale di Fra Tullio Bonollo del 20 giugno 2015


65° Ordinazione di P. Vittorio Bellomo
Trieste, Madonna del Mare, 7 giugno 2015
Corpus Domini


Stiamo celebrando l’Eucaristia nella solennità del Corpo e Sangue del Signore. Non poteva esserci ricorrenza più adatta per celebrare un Anniversario di Ordinazione Sacerdotale e oggi noi stiamo festeggiando i 65 anni di ministero sacerdotale del nostro P. Vittorio Bellomo.
E’ davvero una bella ricorrenza poiché 65 anni di fedele servizio alla Chiesa come Sacerdote, non sono pochi. Questo ci fa sentire particolarmente grati a P. Vittorio nel condividere la gioia di questo traguardo, ma ci fa sentire anche particolarmente grati al Signore che ci dona veri e buoni sacerdoti come lui.
Se la festa odierna è ideale per ringraziare il Signore che ci dona guide e Pastori secondo il suo cuore, il Vangelo di oggi è il più adatto per capire la persona del Sacerdote. Con il Vangelo appena proclamato Gesù ci porta nel Cenacolo durante l’Ultima Cena, momento in cui il Signore istituisce il Sacerdozio Ministeriale e ci dona l’Eucaristia. E l’Eucaristia è sempre il momento culminante e vertice della vita di un Sacerdote.
Allora, Fratelli cari, aiutati dal Vangelo di oggi, vi propongo di vedere la sintesi della persona del Sacerdote attraverso l’Eucaristia.
L’Evangelista Marco ci trasmette il racconto di Gesù che istituisce l’Eucaristia.
Cosa si dice nel momento culminante dell’Eucaristia?
1. “Gesù Prese il pane nelle sue mani”
2. “disse la preghiera di benedizione”; “lo benedisse”
3. “lo spezzò
4. “lo diede ... perché ne mangiassero.
Ecco il ministero del sacerdote: è come quel pane consacrato!

1.  E’ preso, cioè: è anzitutto scelto (prese il pane nelle sue mani) . E’ il Signore stesso che lo sceglie, che lo passa, lo vaglia con le sue mani, lo prepara, lo impasta...
Padre Vittorio è entrato in Seminario a Lonigo che aveva 12 anni. Poi ha fatto il Noviziato, ha emesso i Voti professando la Regola di S. Francesco, ha studiato la Teologia ed è stato ordinato Sacerdote a Motta di Livenza dal Vescovo Mons. Zaffonato.
Questa è la Vocazione. E’ il tempo in cui il Signore ti prende. Ti prende tra le sue mani e ti prepara.
E tu sai bene, Padre Vittorio, che la Vocazione non riguarda solo il passato, ma si ripete ogni giorno. Il sacerdote deve chiedersi ogni mattina: “Ma cosa sto qui a fare”? “Perché sono qui”?  Chi mi ha portato tra questa gente, in questa parrocchia?
La risposta è: Cristo ti ha preso!, come il pane, per aiutarlo a sfamare il suo popolo.
Sei stato “preso”, cioè scelto dalle mani di Dio, per diventare sacerdote, poiché il Signore su di te voleva contare molto e affidarti molto di più.

2.  Benedetto. Il sacerdote, come quel pane sull’altare, è Benedetto.
Benedire = dire bene; dire cose buone di qualcuno.
Il sacerdote è uno che si sente amato perché ha conosciuto Cristo; si sente amato perché da lui prescelto e chiamato; e si sente questo amore, questa stima di Dio addosso, ogni momento. Lo Spirito Santo che lo guida è la garanzia quotidiana che il sacerdote è l’amato da Dio. Questa fede non deve mai affievolirsi, anche nei momenti di fatica, quando il ministero pesa, quando servire il Signore è impopolare, quando la parola del sacerdote è rifiutata, dileggiata ...
E’ allora che il sacerdote deve ricordarsi e sentire la benedizione che lo ha mandato in quella situazione, in quella famiglia, in quella casa, in quel confessionale, ...

3. Spezzato.  La vita e la persona del sacerdote, come il pane tra le mani di Cristo, viene spezzata. Anche la vita di Cristo è stata spezzata.
Il sacerdote è spezzato quando non ha un minuto di tempo per sé, ma corre e si frantuma  per la sua gente, per i più bisognosi.
Il sacerdote è spezzato quando, dopo un’intera giornata spesa per tutti, in Chiesa,
si vede togliere anche l’ultimo momento dalla persona che ha bisogno di consiglio, dal giovane che cerca un po' di coraggio, dal peccatore che cerca misericordia, dall’ammalato che attende una visita.
Il sacerdote si sente e viene realmente spezzato quando contro di lui si accanisce chi lo trova nella sua strada come segno di contraddizione.
C’è sempre qualcuno che se la prende con il sacerdote, solo perché è consacrato; che lo offende, che mormora e sparla perché la sola presenza da’ fastidio.
E’ storia di ogni giorno: l’opinione pubblica, la stampa... che si accaniscono sul sacerdote perché è una persona che gode stima.
Ma ogni consacrato sa bene che la sua missione domanda anche questo: essere spezzati!
Ce lo ha detto Gesù: “ hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi”.

4.  Dato. Infine: come il pane il sacerdote è dato!
Dopo esser stato scelto - benedetto - spezzato, il sacerdote viene dato!, cioè: donato.
Non un dono fatto con paura, ma con trasporto e gioia: questa è la vita di ogni sacerdote.

Padre Vittorio dopo l’Ordinazione ha dedicato i suoi 65 anni come sacerdote in buona parte nel servizio parrocchiale, come Parroco e come Vice Parroco.
Qui a Trieste egli ha donato molti anni e a più riprese. Poi egli è stato a Monfalcone nella Parrocchia della Marcelliana; poi un lungo periodo di 28 anni come Parroco a S. Maria delle Grazie in Diocesi di Belluno e un tempo più breve come parroco a Feltre.
Non è facile riassumere tanti anni e tutto il suo prolungato servizio come Parroco o Vice Parroco…, servizio che è stato davvero abbondante. Voi, cari fratelli della Madonna del Mare, assieme ai parrocchiani di S. Maria Maggiore, potreste meglio raccontare la sua disponibilità, il suo zelo, la sua instancabile presenza in chiesa, in oratorio, nelle famiglie, ecc…

Che pane eucaristico è dunque questo nostro Padre Vittorio ?
E’ una persona generosa, un Frate Minore, che si è lasciato prendere totalmente da Dio, provando la forza della sua mano. In questo modo, quanto descritto dal Vangelo, il dono dell’Eucaristia, si ripete ogni giorno da 65 anni. Da vari anni si ripete qui alla Madonna del Mare.
Fra pochi istanti, caro P.Vittorio, presenterai ancora al cielo quel pane eucaristico perché sia benedetto, spezzato e distribuito. Sarà questa l’immagine più vera del tuo sacerdozio che oggi festeggia 65 anni di fedeltà. Ma sarà anche una rinnovata benedizione per noi, per la tua gente, per la parrocchia. Sarà una rinnovata benedizione perché con la tua vita sacerdotale ci distribuisci anche il Cristo, pane di vita.
Padre Vittorio, il Signore dopo 65 anni benedica ancora il tuo ministero, perché tu possa continuare ad essere una benedizione per molti. E così sia!.
















DIOCESI DI TRIESTE
ORDINAZIONE  DIACONALE  DI  FRA  TULLIO  BONOLLO, OFM
+ Giampaolo Crepaldi
Parrocchia Madonna del Mare, 20 giugno 2015



Carissimi fratelli e sorelle,

1. siamo tutti particolarmente lieti di essere qui nella chiesa della Parrocchia dedicata alla Madonna del Mare per partecipare all'ordinazione diaconale di fra Tullio. È lieto il Vescovo che spera e prega affinché la grazia del sacramento si possa concretizzare in una presenza ministeriale di fra Tullio proprio tra il popolo cristiano di Trieste; sono lieti i suoi genitori che ringraziamo per averlo messo al mondo e per averlo donato al Signore, accompagnandolo con la loro preghiera assidua e il loro affetto; sono lieti i suoi parenti e amici e quanti lo hanno conosciuto e apprezzato in questi anni, seguendo il suo camminare di chiamato dal Signore verso la metà santa e sublime del sacerdozio; sono lieti i Frati minori che vedono in lui il segno di una benedizione divina, grati perché il loro sforzo educativo giunge finalmente e positivamente a dare frutti concreti e tangibili; è contenta la comunità di Madonna del Mare e il parroco fra Andrea che in questi mesi di permanenza tra i suoi componenti lo hanno conosciuto e adottato con amicizia cristiana; è lieto e felice fra Tullio per il dono immeritato che il Signore Gesù Cristo oggi gli fa, attraverso la potenza travolgente e miracolosa del suo Spirito Santo, rendendolo diacono come Lui che servì il Padre in tutto e per tutto fino alla morte di croce. Tra poco, attraverso il Vescovo che imporrà le mani nell'atto misterioso della consacrazione della persona al Signore, fra Tullio diventerà diacono della Chiesa, dedito a servire Dio servendo il suo popolo. Servirà il popolo elargendogli la Parola di Dio, distribuendo la santa Eucaristia, istruendolo sul precetto della carità con la sua vita esemplare e povera.

2. Carissimo fra Tullio, esiste un legame inscindibile tra ministero diaconale e Parola di Dio: da diacono dovrai viverla con spirituale adesione e annunciarla con tutte le tue forze. In questo, ti sia da guida, eletta e speciale, san Francesco, il quale nella Lettera ai fedeli scrisse: “L'altissimo Padre celeste, per mezzo del santo suo angelo Gabriele, annunciò questo Verbo del Padre, così degno, così santo e glorioso, nel grembo (in uterum) della santa e gloriosa Vergine Maria, e dal grembo di lei ricevette la vera carne della nostra umanità e fragilità” (2LFed 4). Per Francesco la lettura della Parola è evento interiore che richiama i misteri santi dell'Annunciazione e dell'Incarnazione di Gesù Cristo. Come Maria conservava, meditandole nel cuore, le parole egli eventi del Figlio (cf. Lc 2,19.51), così Francesco fece di tutta la sua esistenza una continua meditazione adorante del Verbo fatto carne. Inoltre, per il Poverello di Assisi, l'evento della Parola è sempre rimasto profondamente radicato nella sua dimensione ecclesiale, cioè ministeriale e pastorale. Dalla Chiesa Francesco ricevette la Parola, nella Chiesa la testimoniò e per la Chiesa l'annunciò.  Da lui ci viene anche un'altra stimolante e attuale lezione: non coltivò mai la contrapposizione polemica tra Vangelo e magistero della Chiesa, che dilaniò invece la coscienza di tanti movimenti evangelici e pauperistici medievali; ma si tratta di una storia che sembra non avere mai fine.

3. Carissimo fra Tullio, esiste anche un legame inscindibile tra diaconato ed Eucaristia. Il diacono è tale per il servizio che presta all'altare nella celebrazione della Santa Messa, assistendo il Vescovo e i presbiteri. A questo riguardo, consentimi di ricordati quale esempio da imitare il forte amore di Francesco per l’Eucaristia: il Cristo del Vangelo a cui egli voleva conformarsi in tutto, è "l’altissimo Figlio di Dio", il cui "santissimo corpo e il sangue suo... solamente i sacerdoti consacrano ed essi soli amministrano agli altri". Si colloca qui la venerazione di Francesco per i sacerdoti, il restauro e la cura per le chiese povere, il culto per l’Eucaristia, la premura di assistere ogni giorno al sacrificio della Messa, con adesione piena, per cui "riteneva grave segno di disprezzo – afferma il suo biografo Tommaso da Celano – non ascoltare ogni giorno la Messa, se il tempo lo permetteva. Francesco si comunicava sovente e con tanta devozione da rendere devoti anche gli altri. Un giorno volle mandare dei frati per il mondo con pissidi preziose, perché riponessero in luogo il più degno possibile il prezzo della redenzione, ovunque lo vedessero conservato con poco decoro". Francesco voleva inoltre "che si dimostrasse grande rispetto alle mani del sacerdote, perché ad esse è stato conferito il divino potere di consacrare gli altri. Se mi capitasse – diceva – di incontrare insieme un santo che viene dal cielo e un sacerdote poverello, saluterei prima il prete e correrei a baciargli le mani. Direi infatti: “Oh! Aspetta, San Lorenzo; perché le mani di costui toccano il Verbo di vita e possiedono un potere sovrumano”. 

4. Carissimo fra Tullio, per ultimo desidero ricordarti il legame inscindibile tra diaconato e amore per la povertà e i poveri. I diaconi nascono agli albori della Chiesa per servire i poveri. Anche per questo tema ci viene in aiuto con la sua illuminante testimonianza il Santo di Assisi. Chissà quante volte sarai stato a san Damiano a contemplare e a pregare il Crocifisso. In ginocchio di fronte a quel Crocifisso, san Francesco capì una cosa molto importante: la povertà cristiana non consiste unicamente nell'aiutare i poveri, consiste nell'essere povero. Aiutare i poveri è cosa fondamentale, perché è parte ed espressione della carità, ma essere povero significava essere come Gesù che era stato povero. A questo punto, Francesco si sposò: Con Chi? Con Madonna Povertà. E Madonna Povertà, che aveva visto nel lebbroso, era la povertà del mondo intero, era la solidarietà con tutto ciò che è piccolo e debole e sofferente; era il punto più caro e convincente della misericordia di Dio. Caro fra Tullio, ricordati sempre che la maledizione non sta nella povertà, ma nella ricchezza dimentica dei poveri, nella potenza che opprime, nel troppo che indurisce i cuori e li avvelena, come ci ricorda spesso papa Francesco.

5. Carissimi fratelli e sorelle, vagliamo tutti insieme, nella preghiera soprattutto, affidare alla materna protezione di Maria il diaconato di fra Tullio. San Francesco amava molto la Madonna per come ce lo testimonia Tommaso da Celano nella Vita Seconda o Memoriale nel desiderio dell’anima (FF 786). Vi troviamo scritto: "Circondava di un amore indicibile la Madre di Gesù, perché aveva reso nostro fratello il Signore della maestà. A suo onore cantava lodi particolari, innalzava preghiere, offriva affetti tanti e tali che la lingua umana non potrebbe esprimere. Ma ciò che maggiormente riempì di gioia, la costituì Avvocata dell’Ordine e pose sotto le sue ali i figli, che egli stava per lasciare, perché vi trovassero calore e protezione sino alla fine". Anche noi vogliamo invocare la Madonna affinché sia l'Avvocata del tuo ministero diaconale che poniamo fiduciosi sotto le sue ali dove potrai trovare sempre calore e protezione sino alla fine.