Immagine della Madonna del Mare

Immagine della Madonna del Mare

sabato 29 marzo 2014

Famiglia Parrocchiale del 30 marzo 2014


FAMIGLIA  PARROCCHIALE
Bollettino   della   Parrocchia   Madonna   del   Mare   -   Trieste
tel.:  040 . 30 14 11  (Conv.)   -   040 . 340 33 75  (Uff. Parr.)
e-mail:  parrocchia@madonnadelmare.it 
sito  web:  http://madonnadelmare.blogspot.com


domenica  30  marzo  2014
Domenica  IVa  del  Tempo  di  Quaresima
Letture: 1 Sam 16, 1b.4a. 6-7. 10-13a; Sal 22; Ef 5, 8-14; Gv 9, 1-41


Dal vangelo secondo Giovanni (forma breve)

In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita, sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò il fango sugli occhi del cieco e gli disse: «Va’ a lavarti nella piscina di Sìloe», che significa “Inviato”. Quegli andò, si lavò e tornò che ci vedeva. Allora i vicini e quelli che lo avevano visto prima, perché era un mendicante, dicevano: «Non è lui quello che stava seduto a chiedere l’elemosina?». Alcuni dicevano: «È lui»; altri dicevano: «No, ma è uno che gli assomiglia». Ed egli diceva: «Sono io!». Condussero dai farisei quello che era stato cieco: era un sabato, il giorno in cui Gesù aveva fatto del fango e gli aveva aperto gli occhi. Anche i farisei dunque gli chiesero di nuovo come aveva acquistato la vista. Ed egli disse loro: «Mi ha messo del fango sugli occhi, mi sono lavato e ci vedo». Allora alcuni dei farisei dicevano: «Quest’uomo non viene da Dio, perché non osserva il sabato». Altri invece dicevano: «Come può un peccatore compiere segni di questo genere?». E c’era dissenso tra loro. Allora dissero di nuovo al cieco: «Tu, che cosa dici di lui, dal momento che ti ha aperto gli occhi?». Egli rispose: «È un profeta!». Gli replicarono: «Sei nato tutto nei peccati e insegni a noi?». E lo cacciarono fuori. Gesù seppe che l’avevano cacciato fuori; quando lo trovò, gli disse: «Tu, credi nel Figlio dell’uomo?». Egli rispose: «E chi è, Signore, perché io creda in lui?». Gli disse Gesù: «Lo hai visto: è colui che parla con te». Ed egli disse: «Credo, Signore!». E si prostrò dinanzi a lui.

Da anni quel povero cieco stava seduto lì a chiedere l’elemosina ai margini della strada. In tanti lo hanno visto e continuano a vederlo, ma nessuno  si ferma e si interessa a lui. Di tanto in tanto qualcuno rallenta i suoi passi e gli fa scivolare qualche spicciolo nel cappello posto ai suoi piedi. Tu solo, o Gesù, ti fermi, gli parli con amore, e, prendendo a cuore la sua situazione, gli spalmi sugli occhi del fango, lo mandi a lavarsi nella piscina di Sìloe e lo guarisci. In quella tua mano che tocca il malato si compie il mistero dell'amore di Dio.

Grazie Gesù, perché mi riveli il vero volto di Dio che è amore e misericordia.
Tu solo non guardi dall'altra parre per non vedere la mia miseria, ma ti fermi davanti alla mia debolezza e prendi a cuore il mio bisogno di luce, d'essere guarito, di vedere e di vederti. Provo vergogna per le tante volte che ho dubitato della tua bontà, ti ho creduto indifferente alle mie difficoltà, insensibile davanti alla mia sofferenza.

Tu sei la "luce del mondo", sei colui che "fa vedere", sei il rivelatore del Padre. Donami, o Gesù, il coraggio di riconoscere che anch'io sono cieco, uno della peggiore specie, perché non solo non vedo, ma neppure voglio prendere coscienza della realtà. I miei occhi, più che finestre sul mondo, sono specchi che riflettono i miei fantasmi, scambiati per verità. A volte capita anche che ti passo accanto e non avverto la tua presenza, perché troppo intento a soddisfare i miei piccoli interessi, troppo abbagliato dal luccichio di ciò che mi viene prospettato come fonte di felicità. Abbi pietà di me, o Gesù, perché non è facile ammettere di essere cieco quando tutti attorno a me fanno a gara per dimostrare di avere la vista più acuta, di scorgere il futuro, di cogliere quanto è in profondità.

Donami, o Gesù, il dono della fede, fa’ che io veda, che ti riconosca come il Figlio venuto dal Padre per manifestarmi la verità di essere figlio di Dio. Credo, ma tu sostienimi nella mia incredulità, aiutami nella fatica di credere. Donami la docilità del cieco ai tuoi gesti, la pronta obbedienza al tuo comando, affinché anch'io possa arrivare alla fede consapevole e piena di confidenza in te.

O Gesù, fa che l'ostilità e le incomprensioni di chi non capisce le scelte di fede non mi portino alla rinuncia o a nascondermi, ma provochino in me un adesione ancor più generosa a te. Concedimi una fede piena e senza riserve, una fede forte, che non tema le avversità di chi la discute, la impugna o la rifiuta. Fa' che al termine della mia vita io abbia la gioia di riconoscerti e adorarti come mio Signore e mio Redentore.



AVVISI   PARROCCHIALI

domenica  30
·     La S. Messa delle ore 19.00, sarà animata con il canto dal coro “Amici del Canto Gregoriano”, diretti da Paolo Loss.
lunedì  31
·     Ore 15.30, ‘Pomeriggio Insieme’ per gli anziani in Oratorio
martedì  1
·        Ore 16.30, catechismo parrocchiale per bambini e ragazzi.
·        Ore 20.30, in Chiesa, incontro di preghiera e testimonianza a carattere vocazionale: “7 parole per 7 testimoni”; verrà approfondito il tema della Povertà.
mercoledì  2
·          Al termine della S. Messa serale, catechesi sulla figura e spiritualità di San Francesco, tenuta dal Parroco.
·          Ore 20.30, “Cattedra di S. Giusto”. Parlerà il dott. Salvatore Martinez, Presidente del Rinnovamento nello Spirito Santo, sul tema “La santità dono dello spirito”.
giovedì  3
·          Ore 16.00, incontro dell’Azione Cattolica parrocchiale.
·          Al termine della S. Messa serale, esposizione e adorazione del SS.mo Sacramento e preghiera per le vocazioni.
venerdì  4
·          Primo Venerdì del mese.
·          Ore 19.40, Via Crucis in Chiesa.
·          Ore 20.30, prove di canto del Coro Giovani.
sabato  5
·          Ore 16.00, incontro di catechesi per i genitori, padrini e madrine, in preparazione al Battesimo dei propri figli.
·          Ore 18.15, incontro del gruppo Araldini.
domenica  6
·          In mattinata, “Festa diocesana della Famiglia”, presso la Parrocchia di S. Rita. Il programma dettagliato nella locandina in fondo alla Chiesa.

Quaresima di fraternità. Nel cesto al centro della Chiesa, si raccolgono alimenti a beneficio dei poveri della nostra comunità. Nella cassetta delle offerte potete inserire le vostre intenzioni di preghiera.

Venerdì 11 aprile, la S. Messa serale sarà anticipata alle ore 18.30, in concomitanza con la Parrocchia di S. Rita. Seguirà la Via Crucis dalla Chiesa di S. Rita fino alla nostra Chiesa. Poi, in Oratorio, la “Cena della Carità”.

Nella bacheca il programma del pellegrinaggio parrocchiale
a Roma e Pompei dal 20 al 26 giugno p.v.

fra Andrea, parroco


INTENZIONI   SS. MESSE


domenica  30
marzo
ore    8.30   - def.ta Erminia Paoletti
                  - Secondo l’intenzione dell’offerente
ore  10.00   - Per l’Assemblea
ore  11.30   - def.ti  Bruno e Antonia
                  - def.to Beniamino Antonini
                  - def.ti  Fulvio, Luciano ed Elvi
ore  19.00   -
lunedì  31
marzo
ore    8.30   - def.to Antonio Cannata
                  - def.ta Erminia Paoletti
ore  19.00   - def.ta Clara Bassani (obitus)
                  - def.to Livio Iaut
martedì  1
aprile
ore    8.30   - def.to Ernesto e def.ti Famiglia Tirello
                  - def.ta Erminia Paoletti
ore  19.00   - def.to Giordano
                  - Per le Anime del Purgatorio
mercoledì  2
aprile
ore    8.30   - def.ta Erminia Paoletti
ore  19.00   - def.to Vincenzo Russo
                  - def.ta Emma Gei
giovedì  3
aprile
ore    8.30   - def.ti  Famiglia Viviani
                  - def.ta Erminia Paoletti
ore  19.00   - def.ti  Enrico, Mercedes e Claudio
venerdì  4
aprile
ore    8.30   - def.ta Erminia Paoletti
ore  19.00   - def.ta Giuseppina Pisanu
                  - def.to Salvatore Carobella
sabato  5
aprile
ore    8.30   - def.ta Erminia Paoletti
                  - def.to Oddone
ore  19.00   - def.ti  Ermanno e Margherita
                  - def.to Marco Coslovich
domenica  6
aprile
ore    8.30   - def.ta Erminia Paoletti
                  - def.to Peter Ujka
ore  10.00   - Per l’Assemblea
ore  11.30   - def.ti  Ernesto e Adele
                  - def.ti  Giuseppe, Anna e Rita
ore  19.00   - Secondo l’intenzione dell’offerente

sabato 22 marzo 2014

Famiglia Parrocchiale del 23 marzo 2014


FAMIGLIA  PARROCCHIALE
Bollettino   della   Parrocchia   Madonna   del   Mare   -   Trieste
tel.:  040 . 30 14 11  (Conv.)   -   040 . 340 33 75  (Uff. Parr.)
e-mail:  parrocchia@madonnadelmare.it 
sito  web:  http://madonnadelmare.blogspot.com


domenica  23  marzo  2014
Domenica  IIIa  del  Tempo  di  Quaresima
Letture: Es 17,3-7; Sal 94; Rm 5,1-2,5-8; Gv 4,5-42 (forma breve: 4,5-15.19-26)

Dal vangelo secondo Giovanni (forma breve)

In quel tempo, Gesù giunse a una città della Samarìa chiamata Sicar, vicina al terreno che Giacobbe aveva dato a Giuseppe suo figlio: qui c’era un pozzo di Giacobbe. Gesù dunque, affaticato per il viaggio, sedeva presso il pozzo. Era circa mezzogiorno. Giunge una donna samaritana ad attingere acqua. Le dice Gesù: «Dammi da bere». I suoi discepoli erano andati in città a fare provvista di cibi. Allora la donna samaritana gli dice: «Come mai tu, che sei giudeo, chiedi da bere a me, che sono una donna samaritana?». I Giudei infatti non hanno rapporti con i Samaritani.  Gesù le risponde: «Se tu conoscessi il dono di Dio e chi è colui che ti dice: “Dammi da bere!”, tu avresti chiesto a lui ed egli ti avrebbe dato acqua viva». Gli dice la donna: «Signore, non hai un secchio e il pozzo è profondo; da dove prendi dunque quest’acqua viva? Sei tu forse più grande del nostro padre Giacobbe, che ci diede il pozzo e ne bevve lui con i suoi figli e il suo bestiame?». Gesù le risponde: «Chiunque beve di quest’acqua avrà di nuovo sete; ma chi berrà dell’acqua che io gli darò, non avrà più sete in eterno. Anzi, l’acqua che io gli darò diventerà in lui una sorgente d’acqua che zampilla per la vita eterna». «Signore – gli dice la donna – dammi quest’acqua, perché io non abbia più sete e non continui a venire qui ad attingere acqua».

Ti contemplo, o Gesù, mentre con i tuoi apostoli avanzi per le stradine polverose della Samaria; avverto il sole cocente, l'aria che evapora, il caldo che si appiccica alla pelle. Al pozzo di Sicar, tu, o Gesù, siedi, stanco; stanco di cercarmi e di elemosinare la mia attenzione. Dall'alto della croce, un giorno griderai: "Ho sete". Sì, o Gesù, hai sete, sete della mia anima, sete della mia fede. Il desiderio di amarmi e di essere amato ti brucia dentro, più dell'arsura del deserto. Anch’io, o Gesù, ho sete, anch'io avverto il bisogno di qualcosa di necessario; bisogno di vita e di senso, di amore e di felicità. Cerco con ogni mezzo di calmare la mia sete. Continuamente ingoio pillole, dette miracolose:
sono risposte facili e preconfezionare, esperienze appaganti e soluzioni pronte all'uso. Sono pillole sempre più perfezionate: mille mercanti sono all'opera per prepararle, confezionarle e venderle; mille imbonitori mi riempiono la testa
con le lodi delle loro virtù. Ma ecco, se attingo acqua dal pozzo del danaro
ho sempre più sete; se attingo dal pozzo del piacere, sento prosciugarmi la gola. Se mi rivolgo al pozzo del successo, mi sento annebbiare la vista; se vado ad attingere al pozzo della pubblicità, mi ritrovo schiavo della mia immagine.

A causa dei tanti surrogati non riesco a decifrare le esigenze vere e profonde.
Ti prego, Gesù, vinci le mie reticenze, i miei sospetti e i miei dubbi; aiutami
a riconoscere i miei fallimenti e le mie ferite, i miei peccati e le mie infedeltà. Nella tua misericordia, dammi l'acqua viva, l'acqua che zampilla per la vita eterna. Lo confesso, Gesù: ho cercato di resisterti, ho accampato discussioni
per guadagnare tempo e portare altrove l’attenzione, ma tu riconducimi all'essenziale, a quello che conta veramente.

Come hai fatto con la donna samaritana così aiuta anche me a convertirmi veramente, a guardare la vita nel suo orizzonte più ampio. Distogli il mio sguardo dalle esigenze immediate, per fissare la mia attenzione sulle attese più vere. Fa’ che riconosca la sete profonda del mio cuore, che solo Dio può saziare. Oh, se ritrovassi occhi limpidi e cuore puro riuscirei a riconoscere il dono di Dio, comprenderei la profondità del suo amore, la grandezza e la dignità a cui sono elevato. Perdonami, Gesù, perché spesso mi allontano da te, sorgente d'acqua limpida, e vado in cerca di cisterne screpolate che contengono solo acqua putrida e limacciosa; abbandono te, che sei la Via, la Verità e la Vita e vado mendicando qua e là briciole di felicità e di senso.

Dammi sempre, o Gesù, l'acqua viva, perché non abbia più sete, dammi l'acqua che è il tuo Spirito, l'acqua che è l'amore, l'acqua che è dono di sé. Bevendo di quest'acqua, diventerò a mia volta sorgente d'acqua limpida e feconda, acqua che si fa generosità e iniziativa e mi fa gridare di gioia: "Ho incontrato uno che è veramente il Salvatore del mondo".


AVVISI   PARROCCHIALI

lunedì  24
·     Ore 15.30, “Pomeriggio Insieme” per gli anziani in Oratorio.
·     Ore 20.00, a S. Giusto, Esercizi Spirituali per i giovani.
martedì  25
·        Ore 16.30, catechismo parrocchiale per bambini e ragazzi.
·        Ore 18.00, incontro del Gruppo Ecumenico.
·        Ore 20.00, a S. Giusto, Esercizi Spirituali per i giovani.
mercoledì  26
·          Al termine della S. Messa serale, catechesi sulla figura e spiritualità di San Francesco, tenuta dal Parroco.
·          Ore 20.30, “Cattedra di S. Giusto”. Parlerà Chiara Amirante, fondatrice della Comunità Nuovi Orizzonti.
giovedì  27
·          Al termine della S. Messa serale, esposizione e adorazione del SS.mo Sacramento e preghiera per le vocazioni.
venerdì  28
·          Ore 18.40, Via Crucis in Chiesa.
·          Ore 20.30, prove di canto del Coro Giovani.
·          “24 ore con il Signore”. Dalle ore 17.00, e per 24 ore, Adorazione Eucaristica con possibilità della confessione, presso la Chiesa della B.V. del Soccorso
sabato  29
·          Ore 18.15, incontro del gruppo Araldini.
·          Nella notte passaggio all’ora legale. L’unica variazione è la S. Messa serale che sarà, da domenica 30, alle ore 19.00.
domenica  30
·          La S. Messa delle ore 19.00, sarà animata con il canto gregoriano dal coro “Amici del Canto Gregoriano”, diretti dal maestro Paolo Loss.

Quaresima di fraternità. Nel cesto al centro della Chiesa, si raccolgono alimenti a beneficio dei poveri della nostra comunità. Nella cassetta delle offerte potete inserire le vostre intenzioni di preghiera.

Venerdì 11 aprile, la S. Messa serale sarà anticipata alle ore 18.30, in concomitanza con la Parrocchia di S. Rita. Seguirà la Via Crucis dalla Chiesa di S. Rita fino alla nostra Chiesa. Poi in Oratorio, la “Cena della Carità”.

Nella bacheca il programma del pellegrinaggio parrocchiale
a Roma e Pompei dal 20 al 26 giugno p.v.


INTENZIONI   SS. MESSE

domenica  23
marzo
ore    8.30   - def.ti  Egidio, Bruno, Attilio e Maria
                  - def.ta Santina
                  - def.ta Erminia Paoletti
                  - Secondo l’intenzione dell’offerente
ore  10.00   - Per l’Assemblea
ore  11.30   - def.ti  Bruna e Alcide
                  - def.ti  Rosa, Aldo e Chiara
ore  18.00   - def.ta Maria Coradazzi
                  - def.ti  Angela, Gianni e Salvatore
                  - def.ti  Luigi e Caterina Petrone
lunedì  24
marzo
ore    8.30   - Secondo l’intenzione dell’offerente
                  - def.ta Erminia Paoletti
ore  18.00   - def.to Giuseppe Lertua (obitus)
                  - def.te Rossella e Grazia Giorgi
                  - def.ti  Famiglia Pugliese
martedì  25
marzo
ore    8.30   - def.ti  Nicolantonio e Pasqualina Nardone
                  - def.to Corrado
                  - def.ta Erminia Paoletti
ore  18.00   - def.to P. Gildo Maragno
                  - def.ta Annamaria Bennet-Martin
mercoledì  26
marzo
ore    8.30   - def.ti  Valeria e Giuseppe
                  - def.ta Erminia Paoletti
                  - def.to Antonio Servello
ore  18.00   - def.ti  Pellegrino e Maria Nardone
                  - def.ta Virgilia Pestelli
giovedì  27
marzo
ore    8.30   - def.ti  Maurizio e Luciano
                  - def.to Giovanni Sambo
                  - def.ta Erminia Paoletti
ore  18.00   - def.ta Eleonora
                  - def.te Rosetta e Mimì
                  - def.ti  Giuseppe e Assunta Nardone
venerdì  28
marzo
ore    8.30   - def.ti  Luciano e Nino
                  - def.ta Erminia Paoletti
                  - Secondo l’intenzione dell’offerente
ore  18.00   - def.to Roberto Logher (obitus)
                  - def.ti  Giovanni e Barbara Nardone
sabato  29
marzo
ore    8.30   - def.ta Erminia Paoletti
                  - Per le Anime del Purgatorio
ore  18.00   - def.ti  Antonio e Carmela Nardone
domenica  30
marzo
ore    8.30   - def.ta Erminia Paoletti
                  - Secondo l’intenzione dell’offerente
ore  10.00   - Per l’Assemblea
ore  11.30   - def.ti  Bruno e Antonia
                  - def.to Beniamino Antonini
                  - def.ti  Fulvio, Luciano ed Elvi
ore  18.00   -