Immagine della Madonna del Mare

Immagine della Madonna del Mare

sabato 27 ottobre 2012

Famiglia Parrocchiale del 28 ottobre 2012

domenica 28 ottobre 2012
DOMENICA XXX DEL TEMPO ORDINARIO
Letture: Ger 31,7-9; Sal 125; Eb 5,1-6; Mc 10,46-52

Dal vangelo secondo Marco

In quel tempo, mentre Gesù partiva da Gèrico insieme ai suoi discepoli e a molta folla, il figlio di Timèo, Bartimèo, che era cieco, sedeva lungo la strada a mendicare. Sentendo che era Gesù Nazareno, cominciò a gridare e a dire: «Figlio di Davide, Gesù, abbi pietà di me! ». Molti lo rimproveravano perché tacesse, ma egli gridava ancora più forte: «Figlio di Davide, abbi pietà di me!». Gesù si fermò e disse: «Chiamatelo!». Chiamarono il cieco, dicendogli: «Coraggio! Àlzati, ti chiama!». Egli, gettato via il suo mantello, balzò in piedi e venne da Gesù. Allora Gesù gli disse: «Che cosa vuoi che io faccia per te?». E il cieco gli rispose: «Rabbunì, che io veda di nuovo!». E Gesù gli disse: «Va', la tua fede ti ha salvato». E subito vide di nuovo e lo seguiva lungo la strada.

Preghiera per il V° Sinodo Diocesano

Padre nostro, che sei nei cieli,
guida con la Tua provvidente sapienza
il cammino sinodale
della Chiesa che è in Trieste:
resa una, santa, cattolica e apostolica
dal tuo eterno disegno di salvezza,
la Tua Chiesa sarà la porta aperta
per quanti desiderano incontrare Te,
credere in Te e amare Te.

Padre nostro, che sei nei cieli,
rendi la Chiesa che è in Trieste
immagine e somiglianza
del tuo Figlio Gesù Cristo,
Signore della storia e
Redentore delle nostre anime:
illuminata dalla Parola del Vangelo
e fortificata dai sacramenti della vita,
la Tua Chiesa sarà la casa accogliente
per quanti vogliono essere rigenerati,
come il figliol prodigo,
dalla tua infinita misericordia.

Padre nostro, che sei nei cieli,
feconda la Chiesa che è in Trieste
con la grazia santificante
dello Spirito Santo:
resa bella dai doni spirituali
della fede, della speranza e della carità,
la Tua Chiesa sarà per ogni uomo e donna,
soprattutto per i poveri e i peccatori,
il segno liberante della Tua pace
e della Tua giustizia.

Padre nostro, che sei nei cieli,
opera nella Chiesa che è in Trieste
il miracolo di grazia che operasti in Maria,
Vergine tutta di Dio,
Madre che donò al mondo
il Salvatore del mondo:
pronta, come Maria,
ad accogliere e a realizzare
i tuoi disegni di amore,
la Tua Chiesa canterà il suo Magnificat
a Te, l’Onnipotente e il Santo,
che guardi l’umiltà della Tua serva,
rovesci i potenti dai troni
e innalzi gli umili. Amen.

+ Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo

AVVISI PARROCCHIALI 
settimana dal 28 ottobre al 4 novembre 

domenica 28
• Stanotte si è passati all’ora solare. L’unica variazione d’orario riguarda la S. Messa serale, feriale e festiva, che sarà alle ore 18.00, anziché alle ore 19.00.
• Durante la S. Messa delle ore 10.00, celebrazione della 1° tappa del Cammino Catechisto Parrocchiale: la consegna del Padre Nostro ai bambini del 1° anno.

lunedì 29
• Ore 15.30, “Pomeriggio Insieme” per gli anziani, e non più giovanissimi, in Oratorio.
• Ore 20.30, incontro del Consiglio Pastorale Parrocchiale.

martedì 30
• Ore 16.30, catechismo parrocchiale.

mercoledì 31
• Ore 18.00, il Vescovo animerà la recita del Santo Rosario nella nostra Chiesa. Vi invito a partecipare numerosi per pregare, insieme al nostro Vescovo, per le vocazioni e per il Sinodo Diocesano, appena iniziato.

giovedì 1 Solennità di Tutti i Santi 
• SS. Messe secondo l’orario festivo.
• Ore 15.30, S. Messa in Cimitero presieduta dal Vescovo.

venerdì 2 Commemorazione di tutti i Fedeli Defunti 
• SS. Messe alle ore 8.30, 10.00 e 18.00.

sabato 3 Solennità di S. Giusto, martire, patrono della città 
• Ore 10.00, S. Messa solenne

domenica 4
• Ore 10.00, il Vescovo amministrerà il Sacramento della Confermazione.

Altri avvisi e informazioni
 • Prendete il settimanale “Vita Nuova”, per le iniziative e attività diocesane.
• Quasi tutte le attività e iniziative parrocchiali si sostengono grazie al volontariato. Faccio un appello a tutti coloro che possono e desiderano offrire un po’ del loro tempo, energie e volontà ad informarsi presso il parroco o collaboratori parrocchiali delle diverse possibilità di servizio in parrocchia. Grazie della vostra generosità.

Fra Andrea, parroco 

INTENZIONI SS. MESSE 
settimana dal 28 ottobre al 4 novembre 

domenica 28 ottobre
ore 8.30 -
ore 10.00 - Per l’Assemblea
ore 11.30 - def.ta Maria Vidali
 - def.ta Carla Manfio
 - def.ti Famiglia Abram
ore 18.00 - def.ti Famiglia Sincovich

lunedì 29 ottobre
ore 8.30 - def.ti Nella e Silvio Pelosi
 - def.ti Famiglia Cominotti
ore 18.00 - def.ta Annamaria
 - def.to Giacomo Petrone

martedì 30 ottobre
ore 8.30 - Secondo l’intenzione dell’offerente
ore 18.00 - def.ta Ada Turra

mercoledì 31 ottobre
ore 8.30 -
 ore 18.00 -

giovedì 1 novembre
ore 8.30 - def.to Ernesto e def.ti Famiglia Tirello
 - def.ta Anna Teglio
 - def.to Luciano Scabar
ore 10.00 - Per l’Assemblea
ore 11.30 - def.ta Irma Ippoliti
ore 18.00 - def.ta Novella Furlani

venerdì 2 novembre
ore 8.30 - def.ti Mario, Renato e Firmina
- def.to Paolo Vendetti
- def.ta Anna Teglio
ore 10.00 - def.ti Famiglie Antonini e Ippoliti
 - def.ti Famiglie Fornasier e Linardi
ore 18.00 - def.ti Famiglia Mullig

sabato 3 novembre
ore 8.30 - def.ti Ida e Giuseppe Suprina
 - def.ta Anna Teglio
ore 18.00 - def.to Mario Giraldi
 - def.ti Famiglie Laudato e Zenone

domenica 4 novembre
ore 8.30 - def.ta Anna Teglio
ore 10.00 - Per l’Assemblea
ore 11.30 - def.ta Carla Manfio
ore 18.00 - def.to Casimiro Gobbo
 - def.ta Amorina Fanutti

sabato 13 ottobre 2012

Famiglia Parrocchiale del 14 ottobre 2012

domenica 14 ottobre 2012
DOMENICA XXVIII DEL TEMPO ORDINARIO
Letture: Sap 7,7-11; Sal 89; Eb 4,12-13; Mc 10,17-30 - IV° sett. del Salterio

Dal vangelo secondo Marco

In quel tempo, mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro e, gettandosi in ginocchio davanti a lui, gli domandò: «Maestro buono, che cosa devo fare per avere in eredità la vita eterna?». Gesù gli disse: «Perché mi chiami buono? Nessuno è buono, se non Dio solo. Tu conosci i comandamenti: "Non uccidere, non commettere adulterio, non rubare, non testimoniare il falso, non frodare, onora tuo padre e tua madre"». Egli allora gli disse: «Maestro, tutte queste cose le ho osservate fin dalla mia giovinezza». Allora Gesù fissò lo sguardo su di lui, lo amò e gli disse: «Una cosa sola ti manca: va', vendi quello che hai e dallo ai poveri, e avrai un tesoro in cielo; e vieni! Seguimi!». Ma a queste parole egli si fece scuro in volto e se ne andò rattristato; possedeva infatti molti beni. Gesù, volgendo lo sguardo attorno, disse ai suoi discepoli: «Quanto è difficile, per quelli che possiedono ricchezze, entrare nel regno di Dio!». I discepoli erano sconcertati dalle sue parole; ma Gesù riprese e disse loro: «Figli, quanto è difficile entrare nel regno di Dio! È più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio». Essi, ancora più stupiti, dicevano tra loro: «E chi può essere salvato?». Ma Gesù, guardandoli in faccia, disse: «Impossibile agli uomini, ma non a Dio! Perché tutto è possibile a Dio». Pietro allora prese a dirgli: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito». Gesù gli rispose: «In verità io vi dico: non c'è nessuno che abbia lasciato casa o fratelli o sorelle o madre o padre o figli o campi per causa mia e per causa del Vangelo, che non riceva già ora, in questo tempo, cento volte tanto in case e fratelli e sorelle e madri e figli e campi, insieme a persecuzioni, e la vita eterna nel tempo che verrà»

Quanto entusiasmo, o Gesù, c’è in quel tale che ti viene incontro correndo; quante speranze, quanta sete di felicità! “Maestro buono, che cosa devo fare per avere la vita eterna?”. Quell’uomo non è venuto per farti una domanda banale; sente il bisogno profondo di dare pienezza di senso alla sua vita. Tu, o Gesù, lo fissi attentamente e gli lanci quello sguardo d’amore, sguardo intenso, che non si dimentica.

“Maestri buono”, continua con sincerità quell’uomo, sono stato sempre onesto e rispettoso, ho osservato fin da piccolo i comandamenti, che altro devo fare? Con infinita tenerezza gli rispondi: “Ti manca ancora una cosa, la più importante: condividi i tuoi beni con i poveri, poi vieni e seguimi. Mi raccomando: non portarti dietro tutto quello che hai: ti sarebbe di ingombro, e poi non ne hai bisogno, chi vive per il Regno sa che nulla gli mancherà. Pensa: avrai un tesoro in cielo, che ti riempirà di gioia, avrai la vita eterna!”. Il tuo invito, Gesù, non riceve risposta: quell’uomo se ne va, col cuore gonfio di tristezza. È afflitto, perché deluso dalla sua incapacità a liberarsi dai suoi beni; è afflitto perché il suo entusiasmo ha il fiato corto e la sua corsa verso di te, il “Maestro buono”, è già terminata.

Mi pare di vederti, o Gesù, quando lanci quello sguardo d’amore, e poi quell’invito: “Vieni e seguimi”. O Gesù, tante volte ho sperimentato in prima persona che è difficile seguirti a queste condizioni. Mi chiedo:L devo proprio lasciarmi tutto alle spalle per venire dietro a te? Devo proprio liberarmi di ogni cosa per credere in te e nel tuo Regno? Vedi, Gesù, io sono affascinato dal tuo sguardo d’amore, ma poi penso a quei momenti in cui sembra che tu sei lontano da me e allora mi prende il panico, perché non ho più le mie sicurezze e i miei beni. Non potrei trattenere almeno qualcosa come una piccola garanzia, come un sostegno nel bisogno, come un aiuto nelle incertezze? In fondo per vivere ho bisogno di denaro!

Tu, o Gesù, mi offri il centuplo qui sulla terra, tu mi offri la vita eterna, ma vuoi che sia una persona libera e determinata, e non come uno che prende la tua parola come una polizza di assicurazione in caso di bisogno. Donami, ti prego, la grazia di avere un cuore libero, disposto a correre tutti i rischi della tua avventura. Fammi comprendere che è troppo facile attaccare il cuore ai beni della terra e che il passaggio dal semplice uso al possesso geloso ed esclusivo è molto breve.

Signore Gesù, non togliere da me il tuo sguardo, perché spesso arranco con grande fatica per venirti dietro. Riempi il mio cuore del tuo amore e delle tue consolazioni affinché riesca a staccarmi dalle mie false sicurezze e possa seguirti con ardore ed entusiasmo.

AVVISI PARROCCHIALI 
settimana dal 14 ottobre al 21 ottobre 

domenica 14
• Giornata Missionaria Mondiale.

lunedì 15
• Ore 15.30, “Pomeriggio Insieme” per gli anziani, e non più giovanissimi, in Oratorio.

martedì 16
• Ore 16.30, catechismo parrocchiale.

mercoledì 17
• Tanti auguri a P. Gildo, nel giorno del suo compleanno.
• Nel pomeriggio, incontro della S. Vincenzo Parrocchiale.

giovedì 18
• Ore 16.00, incontro di formazione cristiana dell’Azione Cattolica adulti, aperto a tutti.
• Al termine della S. Messa serale, esposizione e adorazione Eucaristica.

sabato 20
• Ore 15.00, in Oratorio, primo incontro del laboratorio artistico per bambini e ragazzi (sabato 20, 27, ott. 10 e 17 nov.), a cui seguirà l’attività di introduzione allo scautismo, sempre al sabato, alle ore 15.00. • Ore 20.30, presso la Chiesa dei SS. Andrea e Rita, veglia Missionaria Diocesana.

 Altri avvisi e informazioni 
• Prendete il settimanale “Vita Nuova”, per le iniziative e attività diocesane.
• Siamo nel mese di ottobre, dedicato al S. Rosario: raccomando e invito alla preghiera del Rosario sia personale che in famiglia.
 • Mercoledì 24 ottobre, alle ore 18.00, il Vescovo animerà la recita del Rosario nella nostra Chiesa. Vi invito a partecipare numerosi per pregare, insieme al nostro Vescovo, per le vocazioni e per il Sinodo Diocesano, appena iniziato.
• Il Vescovo sarà tra noi anche domenica 4 novembre, alla S. Messa delle ore 10.00, per amministrare il Sacramento della Confermazione.
• Quasi tutte le attività e iniziative parrocchiali si sostengono grazie al volontariato. Faccio un appello a tutti coloro che possono e desiderano offrire un po’ del loro tempo, energie e volontà ad informarsi presso il parroco o collaboratori parrocchiali delle diverse possibilità di servizio in parrocchia. Grazie della vostra generosità.

Fra Andrea, parroco

INTENZIONI SS. MESSE 
settimana dal 14 ottobre al 21 ottobre

domenica 14 ottobre
ore 8.30 - Secondo l’intenzione dell’offerente
ore 10.00 - Per l’Assemblea
ore 11.30 - def.ti Famiglia Dàvia
 - def.ta Nella Depase - def.to Mario Vedoli
ore 19.00 - def.ti Attilio, Maria e Bruno

lunedì 15 ottobre
ore 8.30 - def.ta Maria
- def.to Teodoro Novac
ore 19.00 - def.ta Caterina Petrone

martedì 16 ottobre
ore 8.30 - def.ta Maria Pia Zeriani
ore 19.00 - def.ti Edmondo e Derna
 - def.ti Pasquale, Andreina e Maria

mercoledì 17 ottobre
ore 8.30 - def.ta Maria e def.ti Famiglia Comitti
ore 19.00 - def.ti Beppina e Arrigo

giovedì 18 ottobre
ore 8.30 - def.ti Luigi e Mafalda Facchini
ore 19.00 -

 venerdì 19 ottobre
ore 8.30 - def.ti Luigi e Rudi
ore 19.00 - def.ti Fabio e Giampaolo Legovich

sabato 20 ottobre
ore 8.30 - def.to Fredy Blincowe
ore 19.00 - def.ti Franco, Maria e Brunone Menutti
 - def.to Ferruccio Furlani

domenica 21 ottobre
ore 8.30 -
 ore 10.00 - Per l’Assemblea
ore 11.30 - def.ti Famiglia Doz
 - def.to Mauro Giardilli
ore 19.00 -

lunedì 8 ottobre 2012

Famiglia Parrocchiale del 07 ottobre 2012

domenica 7 ottobre 2012
DOMENICA XXVII DEL TEMPO ORDINARIO
Letture: Gn 2,18-24; Sal 127; Eb 2,9-11; Mc 10,2-16
Terza settimana del Salterio

Dal vangelo secondo Marco

In quel tempo, alcuni farisei si avvicinarono e, per metterlo alla prova, domandavano a Gesù se è lecito a un marito ripudiare la propria moglie. Ma egli rispose loro: «Che cosa vi ha ordinato Mosè?». Dissero: «Mosè ha permesso di scrivere un atto di ripudio e di ripudiarla». Gesù disse loro: «Per la durezza del vostro cuore egli scrisse per voi questa norma. Ma dall'inizio della creazione (Dio) li fece maschio e femmina; per questo l'uomo lascerà suo padre e sua madre e si unirà a sua moglie e i due diventeranno una carne sola. Così non sono più due, ma una sola carne. Dunque l'uomo non divida quello che Dio ha congiunto». A casa, i discepoli lo interrogavano di nuovo su questo argomento. E disse loro: «Chi ripudia la propria moglie e ne sposa un'altra, commette adulterio verso di lei; e se lei, ripudiato il marito, ne sposa un altro, commette adulterio». Gli presentavano dei bambini perché li toccasse, ma i discepoli li rimproverarono. Gesù, al vedere questo, s'indignò e disse loro: «Lasciate che i bambini vengano a me, non glielo impedite: a chi è come loro infatti appartiene il regno di Dio. In verità io vi dico: chi non accoglie il regno di Dio come lo accoglie un bambino, non entrerà in esso». E, prendendoli tra le braccia, li benediceva, imponendo le mani su di loro.

Hai ragione tu, Signore, quando il cuore è duro non c’è proprio nulla da fare. Noi riduciamo tutto a questioni di diritti e doveri, di ragioni e di torti, di sbagli e di infedeltà, di errori e di sanzioni, ma tu ci indichi che la vera causa di ogni male è la durezza del cuore, un cuore che non sa accogliere, un cuore che non vuole cambiare, un cuore che non perdona, un cuore che non prova tenerezza e compassione.

Hai ragione tu, Signore, è solo una questione di cuore, perché quando un uomo e una donna si vogliono veramente bene non c’è tempesta che riesca ad affondare la loro unione. Ma quando si accumulano sospetti e sgarbi, parole pungenti e accuse, allora prima o poi la barca naufragherà, basterà un piccolo scoglio a sfasciarla.

Ti rendiamo grazie, Signore, per il dono della nostra famiglia. Nell’amore con cui i nostri genitori ci hanno accolto, nel modo con cui si sono presi cura di noi, nella loro pazienza e nel loro perdono, noi abbiamo imparato ad amare ed abbiamo scorto l’immagine della tua paternità che crea ogni vita e si prende cura di ogni uomo.

Aiutaci ad amare con il tuo stesso amore e a diventare sacramento vivo di questo amore. Fa’ che in ogni situazione riusciamo a modulare il suo canto soave: l’amore è paziente, non si adira, non tiene conto del male ricevuto e non gode dell’ingiustizia, l’amore non è invidioso e non si vanta, non manca di rispetto e non cerca il suo interesse.

Signore, aiutaci attraverso il nostro amore e la nostra famiglia, a costruire con te la civiltà dell’amore e a realizzare quei cieli nuovi e quella terra nuova che tu hai promesso all’umanità. Dacci sempre il supremo conforto dell’amore, che ci permetterà di parlare, agire e soffrire secondo la tua volontà.

Grazie, Signore, per tutti gli sposi che con gioia e impegno, con fatica ed entusiasmo hanno curato e difeso il loro amore come la pianta più bella e delicata della loro vita. In loro risplende, in tutta la sua bellezza il tuo progetto sulla famiglia umana. Ti ringraziamo anche per la nostra comunità cristiana, in cui rendi presenti i segni del tuo amore. Nella Parole e nell’Eucarestia, noi attingiamo la forza per continuare a camminare nell’amore.

Ti chiediamo, Signore, che i rapporti tra le famiglie e la comunità cristiana diventino sempre più intensi. Fa’ che la nostra comunità parrocchiale favorisca l’amicizia fraterna, accolga la collaborazione di tutti, sia attenta specialmente alle famiglie dove manca la pace e la serenità.

AVVISI PARROCCHIALI
settimana dal 7 ottobre al 14 ottobre

domenica 7
• Al termine della S. Messa delle ore 11.30, recita della “Supplica alla Madonna di Pompei”.

lunedì 8
• Ore 15.30, “Pomeriggio Insieme” per gli anziani, e non più giovanissimi, in Oratorio.

martedì 9
• Ore 16.30, catechismo parrocchiale.

mercoledì 10
• Al termine della Messa serale, esposizione e adorazione del SS. Sacramento: preghiamo per le vocazioni e invochiamo lo Spirito Santo per l’imminente Sinodo Diocesano.

giovedì 11
• Ore 19.00, a S. Giusto, solenne celebrazione di apertura del Sinodo Diocesano.

domenica 14
• Giornata Missionaria Mondiale.

Altri avvisi e informazioni
• Prendete il settimanale “Vita Nuova”, per le iniziative e attività diocesane.

• Siamo nel mese di ottobre, dedicato al S. Rosario: raccomando e invito alla preghiera del Rosario sia personale che in famiglia.

• Mercoledì 24 ottobre, alle ore 18.00, il Vescovo animerà la recita del Rosario nella nostra Chiesa.

• A nome di P. Vittorio, desidero ringraziare tutti coloro che hanno espresso gli auguri e manifestato la loro vicinanza in occasione del suo 70° anniversario di professione religiosa. Grazie anche a tutti coloro che hanno lavorato per la realizzazione di questa festa e anche del saluto dato alle Suore, lo scorso settembre.

• Quasi tutte le attività e iniziative parrocchiali si sostengono grazie al volontariato. Faccio un appello a tutti coloro che possono e desiderano offrire un po’ del loro tempo, energie e volontà ad informarsi presso il parroco o collaboratori parrocchiali delle diverse possibilità di servizio in parrocchia. Grazie della vostra generosità.

• Il pellegrinaggio ad Assisi si è svolto nel migliore dei modi. Grazie delle vostre preghiere. Abbiamo ricordato e pregato per tutti.

Fra Andrea, parroco

INTENZIONI SS. MESSE
settimana dal 7 ottobre al 14 ottobre

domenica 7 ottobre
ore 8.30 - def.ta Maddalena Rodigliano
ore 10.00 - Per l’Assemblea
ore 11.30 - def.te Eugenia, Elisabetta e Silvana
- def.to Franco Martone
- def.to Bruno
ore 19.00 - def.to Augusto Doz

lunedì 8 ottobre
ore 8.30 -
ore 19.00 - def.ti Stefania e Giorgio
- def.to Luigi Petrone

martedì 9 ottobre
ore 8.30 -
ore 19.00 - def.ta Renata Travini

mercoledì 10 ottobre
ore 8.30 -
ore 19.00 - def.to Paolo Perosa
- def.ta Marisa Ravalico
  - def.to Romano Righi

giovedì 11 ottobre
ore 8.30 - def.ti Giuseppe Carmela e Guido
ore 19.00 - def.ti Confratelli della S. Vincenzo

venerdì 12 ottobre
ore 8.30 -
ore 19.00 - Messa votiva alla Vergine del Pilar
- def.ti Nicola e Francesca Loprieno

sabato 13 ottobre
ore 8.30 - def.to Rolando
ore 19.00 - def.ti Ferdinand, Margherita e Fulvio

domenica 14 ottobre
ore 8.30 -
ore 10.00 - Per l’Assemblea
ore 11.30 - def.ti Famiglia Dàvia
- def.ta Nella Depase
- def.to Mario Vedoli
ore 19.00 - def.ti Attilio, Maria e Bruno