Immagine della Madonna del Mare

Immagine della Madonna del Mare

venerdì 24 dicembre 2010

Famiglia Parrocchiale del 25 dicembre 2010

Sabato 25 dicembre 2010
NATALE DEL SIGNORE
Letture: Is 52,7-10; Sal 97; Eb 1,1-6; Gv 1,1-18


Dal vangelo secondo Giovanni

In principio era il Verbo, e il Verbo era presso Dio e il Verbo era Dio… In lui era la vita e la vita era la luce degli uomini; la luce splende nelle tenebre e le tenebre non l’hanno vinta…Veniva nel mondo la luce vera, quella che illumina ogni uomo. Era nel mondo e il mondo è stato fatto per mezzo di lui; eppure il mondo non lo ha riconosciuto. Venne fra i suoi, e i suoi non lo hanno accolto. A quanti però lo hanno accolto ha dato potere di diventare figli di Dio: a quelli che credono nel suo nome, i quali, non da sangue né da volere di carne né da volere di uomo, ma da Dio sono stati generati. E il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi; e noi abbiamo contemplato la sua gloria, gloria come del Figlio unigenito che viene dal Padre, pieno di grazia e di verità.

ILLUMINA IL MIO CUORE

O Gesù, ho atteso tanto il tuo Natale! Anch’io sono stato indaffarato tanto nei preparativi: il presepe, i fiori sull’altare, le confessioni, i sussidi, le omelie…
Ora eccomi qui, in questa notte, davanti al tuo altare, pervaso da un richiamo misterioso e da una nostalgia intensa di te.

Mi porto nel cuore, insieme al fardello delle debolezze, le attese e le speranze per una vita nuova. Vorrei tornare bambino davanti al tuo presepio, ascoltare ancora una volta l’annuncio di quella notte, che ha cambiato la storia del mondo e lasciarmi contagiare dalla gioia degli angeli e dei pastori.
Ti adoro, Gesù, mio Dio fatto bambino, e ti benedisco, Salvatore del mondo. Tu sei il Cristo, il Figlio di Dio, sei venuto nel mondo per sconfiggere la morte e illuminare la vita mediante il vangelo. Tu sei la mia speranza e la mia gioia, tu solo hai parole di vita eterna, ai tuoi piedi depongo le mie lacrime e le mie speranze. Fammi uscire dalle nebbie del compromesso,
liberami dal fariseismo e dalla voglia di apparire, aiutami a vivere nella coerenza e nel pulito, anche se è faticoso.

Mio Dio, mio piccolo Dio, povero come l’amore, umile come la grotta in cui sei nato… Sei uno come me, sei entrato nella vita con il grido di ogni bambino che invoca attenzione e protezione…

Grazie, o Dio bambino, che vieni per diventare pane e vino, festa e vita per la mia inappagata ricerca di felicità. Grazie, o Dio bambino, perché con il Natale il tuo nome diventa sulle mie labbra un nome amato e il tuo volto è tenero come quello di un bambino a cui si guarda con occhi pieni di stupore.

R I C H I E S T A D’A I U T O

Vorrei irrompere nelle vostre vite per portare a tutti gli auguri di un gioioso e sereno Natale, ricco di pace, consolazione e armonia nei vostri cuori, nelle vostre case e nelle vostre famiglie, ma mi permetto solo di bussare alla porta della vostra attenzione per chiedere un aiuto. In questi ultimi mesi la Parrocchia ha affrontato numerose e consistenti spese dovute a lavori di manutenzione straordinaria (campanile; impianto di riscaldamento; messa a norma e sicurezza; tetto della Chiesa; servizi dell’Oratorio …). A ciò vanno aggiunte le ordinarie spese che una parrocchia come la nostra affronta quotidianamente e la cooperazione con la S. Vincenzo parrocchiale per aiutare i poveri della nostra comunità. Ecco perché mi permetto solamente di bussare alla porta della vostra attenzione, delle vostre possibilità e della vostra generosità per chiedere un aiuto e un sostegno per questa nostra comunità parrocchiale. Al centro della Chiesa c’è la cassetta delle offerte e sul tavolo della stampa i vaglia per chi vuole avere un documento fiscale. Agli uomini sfuggono tante cose, ma il Signore tiene conto perfino dell’umile bicchiere d’acqua che abbiamo donato a chi era assetato. A tutti la mia più profonda e sincera gratitudine per la vostra attenzione e che la benedizione del Signore sia la più grande ricompensa per la vostra generosità.

AVVISI PARROCCHIALI
settimana dal 25 dicembre al 2 gennaio

sabato 25
Solennità del Natale del Signore
Orario S. Messe, solo per oggi: 10.00–11.30–16.00-18.00.

domenica 26
Domenica della S. Famiglia
• Orario delle Ss. Messe consueto: 8.30-10.00-11.30-18.00.

martedì 28
• Nel pomeriggio si possono portare i presepi per l’allestimento della mostra nel salone dell’Oratorio.

giovedì 30
• Al termine della S. Messa serale, adorazione del Ss. Sacramento e preghiera per le vocazioni.

venerdì 31
• Ore 18.00, S. Messa di ringraziamento e canto del Te Deum a conclusione dell’anno civile.

sabato 1 gennaio
Solennità di Maria, Madre di Dio
e Giornata di preghiera per la Pace
Orario S. Messe, solo per oggi: 10.00–11.30–16.00-18.00.

domenica 2
Seconda Domenica dopo Natale
• Orario delle Ss. Messe consueto: 8.30-10.00-11.30-18.00.

Auguri

Padre Andrea, Padre Vittorio e Padre Gildo rivolgono a tutti i più cari e affettuosi auguri per un santo e felice Natale. Come Cristo venne nel mondo nella semplicità e povertà della grotta di Betlemme, così possa, oggi e sempre, rinascere nella nostra quotidianità per illuminare la nostra vita con la sua luce, scaldarla col suo amore, riempirla con la sua pace.
Gesù che nasce sia gioia per tutti; consolazione per chi è solo; conforto per chi è nel dolore; sostegno per chi vive situazioni di crisi; coraggio per chi è nella disperazione; misericordia per chi è schiacciato dal proprio peccato.
A tutti l’augurio e la preghiera perché Cristo, che nasce nel mondo, diventi la vera luce che illumina il cuore e la mente di ogni persona che lo cerca e per rispondere al suo amore infinito.
Portate a tutti i vostri cari, e soprattutto alle persone sole, anziane e ammalate il nostro augurio e il ricordo nella preghiera.

Visitate il presepio allestito nella Cripta e la mostra di presepi che verrà realizzata da martedì 28 dicembre in Oratorio. Durante le celebrazioni, è sospesa la visita del presepio in Cripta.

I frati di Madonna del Mare

INTENZIONI SS. MESSE
settimana dal 25 dicembre al 2 gennaio


sabato 25
ore 10.00 - Per l’assemblea
ore 11.30 - def.ti Novella Ferruccio e Angelo
ore 16.00 - def.to Corrado
ore 18.00 - def.ti Famiglia Limoncin

domenica 26
ore 8.30 - def.ti Francesco e Francesca
ore 10.00 - Per l’assemblea
ore 11.30 - def.to Antonio Onofrio
- def.to Vittorio Coronica
ore 18.00 - def.ti Pasquale e Laura

lunedì 27
ore 8.30 - def.to Gildo Milocco
- def.ti Filippo e Maria
ore 18.00 - def.to Salvatore Cipressi
- def.ti Alba ed Enzo Arculeo
- def.ti Tano, Francesco e Mariolina

martedì 28
ore 8.30 - def.to Vittorio Hlaca
- def.ti Antonio, Palmira e Antonia
ore 18.00 - def.to Stelio

mercoledì 29
ore 8.30 -
ore 18.00 - def.ti Giuseppe, Rosa, Jose ed Emilia Trento

giovedì 30
ore 8.30 - def.to Roberto Scherli
ore 18.00 - def.te Francesca e Luigia Antonini
- def.ta Marcella Visintin (obitus)

venerdì 31
ore 8.30 - def.ta Francesca Leone
ore 18.00 - def.ti Lucia e Bruno Vascotto
- def.ti Famiglia Bettaccini

sabato 1
ore 10.00 - Per l’assemblea
ore 11.30 - def.ta Maddalena Cirone
ore 16.00 - Per le Anime del Purgatorio
ore 18.00 - def.ta Novella Furlani

domenica 2
ore 8.30 - def.to Italo Sartini
ore 10.00 - Per l’assemblea
ore 11.30 - def.ti Doro e Lidia De Rinaldini
ore 18.00 - def.to Renato Suzzi

domenica 19 dicembre 2010

Famiglia Parrocchiale del 19 dicembre 2010

Domenica 19 dicembre 2010
Quarta Domenica di Avvento
Letture: Is 7,10-14; Sal 23; Rm 1,1-7; Mt 1,18-24


Dal vangelo secondo Matteo

Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto.
Però, mentre stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati».
Tutto questo è avvenuto perché si compisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: «Ecco, la vergine concepirà e darà alla luce un figlio: a lui sarà dato il nome di Emmanuele», che significa “Dio con noi”.
Quando si destò dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l’angelo del Signore e prese con sé la sua sposa.

FIDUCIA

La tua venuta, o Gesù, non avviene nella quiete.
C'è scontro tra il tuo irrompere nella vita e i miei progetti e le mie visuali.
Tu sei l'altro, il diverso. Lo avevi detto per bocca del profeta Isaia: "I miei pensieri non sono i vostri pensieri, le vostre vie non sono le mie vie.
Quanto il cielo sovrasta la terra, tanto le mie vie sovrastano le vostre vie,
i miei pensieri sovrastano i vostri pensieri" (Is 55,8-9).

È una costante nella storia della salvezza: tutti coloro che collaborano con te
debbono superare questa crisi. Domenica scorsa Giovanni Battista si domandava: "Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?" Oggi tocca a Giuseppe superare le stesse difficoltà.

Tu, o Gesù, sei entrato nella sua vita in un modo inatteso,
imprevedibile, inimmaginabile. Quanti problemi in così poco tempo!
Giuseppe intuisce che quello che sta avvenendo è qualche cosa di misterioso
e umilmente si chiede quale sia il suo compito: da una parte non può avere Maria tutta per sé, dall'altra non può "giustamente" ripudiarla, non essendovi in lei alcuna colpa. Che cosa fare? Da uomo "giusto", qual è, non giudica secondo le apparenze; rifugge dalle prese di posizione: possono ferire, lacerare, umiliare. "Mentre sta pensando a queste cose" è raggiunto dalla parola di Dio che gli annuncia il mistero che si compie e gli indica le scelte da fare. L’ascolto diventa scelta, decisione concreta: "Giuseppe fece come gli aveva ordinato l'angelo". Con tutti i rischi che questo comporta, con tutti gli ostacoli e i pericoli da affrontare. Senza bisogno di ulteriori spiegazioni, senza richiesta di garanzie particolari, senza esigere un ruolo più appariscente.

Nella tua logica, o Gesù, non servono master e premi Nobel
per essere collaboratori della salvezza. Tu chiami gente, gente semplice, vera, disponibile come Maria, come Giuseppe. Essi hanno modificato e orientato la loro esistenza in base alla tua accoglienza. Comprendono e realizzano la loro vocazione con amorosa fedeltà: Giuseppe ti sarà padre ma non genitore, Maria ti sarà madre e genitrice.

O Gesù, solo se tu entrerai nella mia vita, io celebrerò veramente il tuo Natale. Donami, ti prego, una fede vera, una fede che si incarni nella vita di tutti i giorni, una fede che si concretizzi nelle opere.
Le situazioni impreviste o dolorose della vita non siano di inciampo al mio cammino, ma diventino occasione di crescita.

Tu, o Gesù, non costruisci la salvezza in astratto, ma attraverso la concretezza della vita. Donami sapienza e discernimento, perché comprenda la tua volontà e la attui pienamente, vincendo perplessità e dubbi. Concedimi una fede che si fa abbandono, obbedienza ai tuoi comandamenti, perché solo tu hai progetti di pace.

AVVISI PARROCCHIALI
settimana dal 19 dicembre al 26 dicembre

domenica 19
• Ore 20.00, in Chiesa, concerto Natalizio.

lunedì 20
• Ore 15.30, in Oratorio, “Pomeriggio Insieme” per gli anziani.
• Ore 21.00, incontro del Gruppo Giovani.

martedì 21

• Ore 16.30, in Oratorio, catechismo per bambini e ragazzi.

mercoledì 22
• Al termine della S. Messa serale, celebrazione del sacramento della confessione per giovani e adulti.


giovedì 23

• Al termine della S. Messa serale, adorazione del Ss. Sacramento e preghiera per le vocazioni.

venerdì 24
• Orario Ss. Messe: 8.30 e 24.00. La Chiesa sarà aperta alle ore 23.30.

sabato 25
Solennità del Natale del Signore

• Orario modificato delle Ss. Messe, solo per oggi:
10.00 – 11.30 – 16.00 – 18.00.

domenica 26
Festa della S. Famiglia
• Orario delle Ss. Messe consueto: 8.30-10.00-11.30-18.00.


Auguri

Padre Andrea, Padre Vittorio e Padre Gildo rivolgono a tutti i più cari e affettuosi auguri per un santo e felice Natale. Come Cristo venne nel mondo nella semplicità e povertà della grotta di Betlemme, così possa, oggi e sempre, rinascere nella nostra quotidianità per illuminare la nostra vita con la sua luce, scaldarla col suo amore, riempirla con la sua pace.
Gesù che nasce sia gioia per tutti; consolazione per chi è solo; conforto per chi è nel dolore; sostegno per chi vive situazioni di crisi; coraggio per chi è nella disperazione; misericordia per chi è schiacciato dal proprio peccato.
A tutti l’augurio e la preghiera perché Cristo, che nasce nel mondo, diventi la vera luce che illumina il cuore e la mente di ogni persona che lo cerca e per rispondere al suo amore infinito.

I frati di Madonna del Mare

INTENZIONI SS. MESSE
settimana dal 19 dicembre al 26 dicembre


domenica 19 dicembre

ore 8.30 - def.to Antonio Creglia
ore 10.00 - Per l’assemblea
ore 11.30 - def.to Roberto Vascotto
ore 18.00 - def.to Alessandro Fornasier

lunedì 20 dicembre

ore 8.30 - def.to Adriano Buzzi
ore 18.00 - def.ti Maria e Ferruccio Furlani
- def.to Gildo Milocco

martedì 21 dicembre

ore 8.30 - def.ta Carolina Cappellino
ore 18.00 - def.ti Albino e Fabio

mercoledì 22 dicembre

ore 8.30 - def.ti Ottavio e Andrea Querzola
ore 18.00 - def.to Mario Giorgi

giovedì 23 dicembre

ore 8.30 - def.ta Linda Zoch
ore 18.00 - def.ti Gabriele e Renzo Benedetti

venerdì 24 dicembre

ore 8.30 - def.ta Clara Rossi
- Secondo l’intenzione dell’offerente
ore 24.00 - S. Messa della Natività del Signore

sabato 25 dicembre

ore 10.00 - Per l’assemblea
ore 11.30 - def.ti Novella Ferruccio e Angelo
ore 16.00 - def.to Corrado
ore 18.00 - def.ti Famiglia Limoncin

domenica 26 dicembre

ore 8.30 - def.ti Francesco e Francesca
ore 10.00 - Per l’assemblea
ore 11.30 - def.to Antonio Onofrio
- def.to Vittorio Coronica
ore 18.00 - def.ti Pasquale e Laura

sabato 11 dicembre 2010

Famiglia Parrochiale del 12 dicembre 2010

Domenica 12 dicembre 2010
Terza Domenica di Avvento
Letture: Is 35,1-6a. 8a.10; Sal 145; Gc 5,7-10; Mt 11,2-11



Dal vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Giovanni, che era in carcere, avendo sentito parlare delle opere del Cristo, per mezzo dei suoi discepoli mandò a dirgli: «Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?». Gesù rispose loro: «Andate e riferite a Giovanni ciò che udite e vedete: I ciechi riacquistano la vista, gli zoppi camminano, i lebbrosi sono purificati, i sordi odono, i morti risuscitano, ai poveri è annunciato il Vangelo. E beato è colui che non trova in me motivo di scandalo!». Mentre quelli se ne andavano, Gesù si mise a parlare di Giovanni alle folle: «Che cosa siete andati a vedere nel deserto? Una canna sbattuta dal vento? Allora, che cosa siete andati a vedere? Un uomo vestito con abiti di lusso? Ecco, quelli che vestono abiti di lusso stanno nei palazzi dei re! Ebbene, che cosa siete andati a vedere? Un profeta? Sì, io vi dico, anzi, più che un profeta. Egli è colui del quale sta scritto: “Ecco, dinanzi a te io mando il mio messaggero, davanti a te egli preparerà la tua via”. In verità io vi dico: fra i nati da donna non è sorto alcuno più grande di Giovanni il Battista; ma il più piccolo nel regno dei cieli è più grande di lui».

TESTIMONIANZA

Giovanni Battista, il profeta dalle parole dure come sassi e taglienti come asce, non grida più né minaccia castighi.
Masticato dalla vita, spazzato via dall'arroganza del potere, nella buia prigione di Erode, si interroga: "Ho visto giusto? Ho fatto bene?".

Giovanni si aspettava che tu, o Gesù, saresti stato il più forte, avresti separato i giusti dai peccatori, giudicando tutti con severità.
E perché non divampasse l'ira di Dio, con tutte le sue forze aveva invitato il popolo a convertirsi e fare frutti degni di penitenza.
Tu, invece, quando hai iniziato la missione, non avevi il ventilabro per pulire la tua aia né l'ascia per tagliare alle radici l'albero infruttuoso, ma accoglievi i peccatori con amore e misericordia.
Da vero uomo di fede, Giovanni non tiene questi dubbi nel suo cuore.
Ti manda a dire:
"Sei tu colui che deve venire o dobbiamo attenderne un altro?"

Tu, o Gesù, sei il Messia, l'Inviato di Dio; la tua opera non si manifesta
nella forza che mortifica e schiaccia, ma nell'amore che risana e perdona.
Ti sei fatto uomo, sei entrato nella nostra storia non per giudicare
e castigare, ma per dare a tutti la vita.
Tu sei il Messia secondo il cuore di Dio, il quale "non gode della morte del peccatore, ma vuole che si converta e viva" (cfr. Ez 18,23).

Duemila anni dopo, la domanda è la stessa, anche se a formularla sono uomini e donne di razza e cultura diverse.
Qualche volta affiora anche nel mio cuore.
Sai, Gesù, sono tentato di pensare che nulla sia cambiato con la tua venuta.
Se affermo che tu sei il Re dell'universo, l'unico vero salvatore,
coloro che mi vivono accanto, mi considerano sognatore illuso.
Allora, con il cuore gonfio di amarezza, sono tentato di confessare:
"Mi sono sbagliato, devo aspettare un altro salvatore".

La tua risposta, o Gesù, è banale e inquietante, fragile ed eroica:
"Pazienta e non disperare. Guarda l'agricoltore, scruta la storia e la vita,
cogli i segni della presenza del Regno: i ciechi vedono, i muti parlano,
i lebbrosi sono guariti... ".
Sì, o Gesù, anch'io ho visto la forza dirompente del vangelo,
ho visto persone cambiare, guarire, vedere.
Nelle pieghe del mondo corrotto e inquieto ho scoperto gesti di totale gratuità, vite consumate nel dono e nella speranza, squarci di fraternità in inferni di solitudine ed egoismo.
Che sia questo il problema principale?
Una miopia interiore che mi impedisce di godere della nascosta e sottile presenza di Dio?

AVVISI PARROCCHIALI
settimana dal 12 dicembre al 19 dicembre

domenica 12

• Durante la S. Messa delle ore 10.00, Seconda Tappa del Cammino Catechistico Parrocchiale: Consegna del Vangelo ai ragazzi del 2° anno di catechismo.
• Al termine della S. Messa delle 10.00, incontro per coppie e famiglie. Conclusione con pranzo al sacco condiviso in Oratorio. C’è il servizio di baby-sitter.

lunedì 13

• Ore 15.30, in Oratorio, “Pomeriggio Insieme” per gli anziani.
• Ore 20.30, Centri d’Ascolto della Parola di Dio presso le famiglie: Prato, via Combi 12; Querzola, via De Amicis 2/1.
• Ore 20.30, incontro del Gruppo Giovani.

martedì 14

• Ore 16.30, in Oratorio, catechismo per bambini e ragazzi.

mercoledì 15

• Al termine della S. Messa serale, catechesi per gli adulti sulla Parola di Dio, tenuta dal parroco.

giovedì 16

• Al termine della S. Messa serale, adorazione del Ss. Sacramento e preghiera per le vocazioni.
• Ore 20.30, Centro d’Ascolto della Parola di Dio presso la famiglia: Valentini, Via Romanin, 7.

sabato 18

• Ore 10.30, matrimonio di Giampaolo Scaramagli e Anna Crismani. Tanti auguri.
• Ore 12.30, in Oratorio, pranzo di Natale per gli assistiti della S. Vincenzo parrocchiale.
• Ore 16.00, in Chiesa, incontro di preghiera in preparazione al Natale per i bambini e ragazzi del catechismo, insieme ai loro genitori.

domenica 19

• Ore 20.30, in Chiesa, “Palio di Natale”: rassegna di cori del rione e della città che eseguiranno un concerto natalizio.

• Chi ha ritirato la scheda per il sondaggio sul nostro rione, può riporla compilata nella cassetta al centro della Chiesa.
• In sacrestia è disponibile l’agenda per segnare le intenzioni delle Ss. Messe per l’anno 2011.
• Ricordo la variazione d’orario delle Ss. Messe per i soli giorni di Natale e Capodanno: non 8.30, 10.00, 11.30 e 18.00, ma 10.00, 11.30, 16.00 e 18.00.

Fra Andrea, parroco

INTENZIONI SS. MESSE
settimana dal 12 dicembre al 19 dicembre

domenica 12 dicembre

ore 8.30 - def.ta Francesca Leone
ore 10.00 - Per l’assemblea
ore 11.30 - def.te Caterina e Giuseppina
- def.te Sabina e Fernanda Bastiani
ore 18.00 - def.ta Beatrice Dell’Antonio

lunedì 13 dicembre

ore 8.30 - def.to Rolando
- def.ta Lucia Mulig
- def.ta Lucia Piccini
ore 18.00 - def.ta Maria Di Simone
- def.ta Iolanda Mersic
- def.ta Lucia Milocco

martedì 14 dicembre

ore 8.30 - def.ti Claudio, Guglielmina
e Antonio Torcello
- def.ta Maria Pia Zeriali
ore 18.00 - def.ti Natalia e Marco Coslovich

mercoledì 15 dicembre

ore 8.30 - def.ta Maria
- def.to Giuseppe Polvari
ore 18.00 - def.to Antonio Bartolotta (obitus)

giovedì 16 dicembre

ore 8.30 - def.to Massimo Del Neri
- def.ti Spartaco e Marino
ore 18.00 - def.ti Iso e Angelo Tassi
- def.ta Maria Scherl-Trinca

venerdì 17 dicembre

ore 8.30 - def.to Aldo Orlandi
ore 18.00 - def.to Norman Farndon
- def.te Nives e Derna
- def.ta Giuseppina D’Agostini

sabato 18 dicembre

ore 8.30 - def.to Luigi Bajc
ore 18.00 - def.to Antonio

domenica 19 dicembre

ore 8.30 -
ore 10.00 - Per l’assemblea
ore 11.30 - def.to Roberto Vascotto
ore 18.00 - def.to Alessandro Fornasier

martedì 7 dicembre 2010

Famiglia Parrocchiale del 05/12/2010

Domenica 5 dicembre 2010
Seconda Domenica di Avvento
Letture: Is 11,1-10; Sal 71; Rm 15,4-9; Mt 3,1-12



Dal vangelo secondo Matteo

In quei giorni, venne Giovanni il Battista e predicava nel deserto della Giudea dicendo: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino!». Egli infatti è colui del quale aveva parlato il profeta Isaìa quando disse: «Voce di uno che grida nel deserto: Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri!».
… Vedendo molti farisei e sadducei venire al suo battesimo, disse loro: «Razza di vipere! Chi vi ha fatto credere di poter sfuggire all’ira imminente? Fate dunque un frutto degno della conversione, e non crediate di poter dire dentro di voi: “Abbiamo Abramo per padre!”.
Perché io vi dico che da queste pietre Dio può suscitare figli ad Abramo. Già la scure è posta alla radice degli alberi; perciò ogni albero che non dà buon frutto viene tagliato e gettato nel fuoco. Io vi battezzo nell’acqua per la conversione; ma colui che viene dopo di me è più forte di me e io non sono degno di portargli i sandali; egli vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco. Tiene in mano la pala e pulirà la sua aia e raccoglierà il suo frumento nel granaio, ma brucerà la paglia con un fuoco inestinguibile».

CONVERSIONE

O Gesù, insieme a tutta la Chiesa, sto continuando il cammino dell'Avvento.
Domenica scorsa la tua Parola mi ha fatto prendere coscienza del rischio che corro nel lasciarmi passare addosso la vita, senza accorgermi della tua salvezza, del tuo volto sorridente di Dio bambino.

Oggi mi inviti ad andare da Giovanni, il Battista, perché mi metta sotto la sua guida. Tu l'hai mandato avanti per preparare i cuori alla tua venuta. Egli dichiara di essere la voce che grida nel deserto. Le sue parole sono forti e inquietanti, dure e aggressive, e scuotono la mia falsa quiete.

Giovanni, mi riceve sulle rive del Giordano, nel deserto della Giudea. E lì, nel deserto, non c'è posto per i beni, le amicizie, il ruolo, che mi danno l'illusione della solidità e della sicurezza. Giovanni mi riconduce all'essenziale, mi fa toccare con mano che sono solo una povera creatura incapace di sussistere senza un aiuto provvidenziale e liberante. Scuote la mia tiepidezza, sbriciola le mie fragili verità. "È tempo - mi grida- di toglierti la maschera, e di far cadere le illusioni e chiederti con onestà chi sei veramente. È tempo che prepari la strada, per accogliere nella tua vita il Dio sempre inatteso e sempre diverso. È tempo di un reale cambiamento, di una seria scelta di vita".

O Gesù, aiutami a fare un po' di deserto nella mia vita, togliendo il superfluo e l'effimero. Ci sono troppe cose che ingombrano il mio cuore. Ci sono parole che profanano il silenzio interiore, desideri e sogni dettati dalla vanità. Fa' che riesca ad accogliere la tua Parola, che apre alla speranza
e inonda l'animo di indicibile consolazione. Oh, se chiudessi gli occhi alle tante immagini abbaglianti e false, riuscirei a scoprire l'immagine vera di me stesso e degli altri! Allora libererei la via da tutti gli ostacoli che ti impediscono di essere il mio Dio. Allora proverei la gioia dell'incontro con te e intorno a me e in me fiorirebbe un mondo nuovo.

O Signore, lasciami sognare con il profeta Isaia, lascia che veda il lupo che pascola con l'agnello, la spada trasformata in aratro, la sporcizia cambiata in candore. Lasciami sognare, perché con te e insieme a te vorrei cominciare a realizzare quei cieli nuovi e quella terra nuova, che tu vuoi donarci. Per questo tu mi doni il tempo dell'Avvento, il tempo dell'attesa: non per stare a guardare, ma perché operi in modo tale che il sogno diventi realtà e l'utopia storia quotidiana.

Miglioriamo il nostro Rione

Da più anni, la Parrocchia collabora con il “Progetto Micro Aree” e con le “Buone Pratiche, onlus”, per creare, promuovere e organizzare momenti di aggregazione, incontro, festa e aiuto per le persone del nostro rione di S. Vito, cercando anche di attivare progetti per migliorare le aree e la qualità della vita. Per lavorare sempre meglio e proporre qualcosa di concreto viene proposto un questionario, che si trova nel tavolo della stampa. È un semplice foglio da compilare, senza secondi fini e anonimo. Potete compilarlo qui o portarvelo a casa e poi riportarlo in Chiesa nella cassetta al centro della Chiesa, oppure farvi aiutare dagli operatori fuori dalla Chiesa.

AVVISI PARROCCHIALI
settimana dal 5 dicembre al 12 dicembre

domenica 5

• A memoria e richiamo della Missione Parrocchiale, sarà presente P. Federico con alcuni altri Missionari: incontreranno i gruppi e animeranno le Ss. Messe.

lunedì 6

• Ore 15.30, “Pomeriggio Insieme” per gli anziani, in Oratorio, con i Missionari.
• Ore 20.30, Centri d’Ascolto della Parola di Dio presso le famiglie: Viviani, via Goineo, 5; Dean, P.le Rosmini, 7.

martedì 7

• Ore 16.30, in Oratorio, catechismo per bambini e ragazzi.

mercoledì 8 - Solennità dell’Immacolata Concezione
• Orario delle Ss. Messe: 8.30 – 10.00 – 11.30 – 18.00.
• Vendita di torte e dolci. Chi desidera, può realizzare e donare i dolci che verranno venduti davanti alla Chiesa a beneficio della S. Vincenzo parrocchiale. Ogni dolce deve avere un foglietto con scritti gli ingredienti usati e portato in parrocchia martedì pomeriggio. Per ogni altra informazione contattare i volontari della S. Vincenzo.
• Ore 11.30, festa dell’Adesione dell’Azione Cattolica.

giovedì 9

• Al termine della S. Messa serale, adorazione del Ss. Sacramento e preghiera per le vocazioni.
• Ore 16.00, incontro dell’Azione Cattolica Parrocchiale.
• Ore 20.30, Centro d’Ascolto della Parola di Dio presso la famiglia: Spizzamiglio, via Combi, 22, IV° p.

venerdì 10

• Ore 20.00, prove di canto per il coro giovani.

sabato 11

• Nel pomeriggio, in Oratorio, “Laboratorio Creativo” per i bambini e attività per i ragazzi.

domenica 12

• Durante la S. Messa delle ore 10.00, Seconda Tappa del Cammino Catechistico Parrocchiale: Consegna del Vangelo ai ragazzi del 2° anno di catechismo.
• Al termine della S. Messa delle 10.00, in Oratorio, secondo incontro per coppie e famiglie. Conclusione con pranzo al sacco condiviso. C’è il servizio di baby-sitter.

Prendete dal tavolo della stampa il programma per l’Avvento, le preghiere da recitare in famiglia e il giornale Vita Nuova.

Fra Andrea, parroco

INTENZIONI SS. MESSE
settimana dal 5 dicembre al 12 dicembre


domenica 5 dicembre

ore 8.30 - def.to Oddone
ore 10.00 - Per l’assemblea
ore 11.30 - def.ti Gino e Maria Gnan
ore 18.00 - def.to Nicolò Maniglia

lunedì 6 dicembre

ore 8.30 - def.to Nicolò Deponte
ore 18.00 - def.to Giuseppe Barbaro

martedì 7 dicembre

ore 8.30 - def.to Orazio Leone
- Secondo l’intenzione dell’offerente
ore 18.00 - def.ti Lucia e Angela Madrussani
- def.ta Angelina

mercoledì 8 dicembre

ore 8.30 - def.ta Maria
ore 10.00 - Per l’assemblea
ore 11.30 - def.ti Armida e Guido Suzzi
ore 18.00 -

giovedì 9 dicembre

ore 8.30 - def.to Matilde Cappeccino
- def.ti Famiglia Cominotti
ore 18.00 - def.to Antonio

venerdì 10 dicembre

ore 8.30 - def.ta Bianca Bendagli
ore 18.00 - def.to Paolo Perosa
- def.ti Antonio e Nina

sabato 11 dicembre

ore 8.30 - def.ti Carmela, Giuseppe e Guido
ore 18.00 - def.ta Bruna Peresan
- def.to Marco Coslovich
- def.to Luciano Nacuz

domenica 12 dicembre

ore 8.30 - def.ta Francesca Leone
ore 10.00 - Per l’assemblea
ore 11.30 - def.te Caterina e Giuseppina
- def.te Sabina e Fernanda Bastiani
ore 18.00 - def.ta Beatrice Dell’Antonio